Il tuo browser non supporta JavaScript!
Fiere e saloni

Disegni & cazzotti per l’edizione online del Napoli Comicon

di Camilla Pelizzoli notizia del 12 maggio 2020

Attenzione, controllare i dati.

Una delle conseguenze concrete più immediatamente visibili della pandemia che stiamo vivendo – più dell’estremo contenimento di uscite e contatti, più delle librerie, degli editori, del settore culturale e del cinema che si sono reinventati in molti modi – è lo spostamento o l’annullamento di molti degli appuntamenti fieristici che scandiscono il calendario editoriale. Un effetto inevitabile del coronavirus che appare riflesso anche nel recente aggiornamento della brochure delle fiere aderenti al network ALDUS.

Molte realtà hanno cercato di proporsi ai propri visitatori tramite i media digitali: dalle stanze virtuali della BCBF alle Parole per ripartire di Più libri più liberi, fino a iniziative come quella di Napoli Comincon, che si sarebbe dovuto tenere in questi giorni, e che ha avviato una serie di iniziative tramite il proprio profilo Facebook, in alcuni casi ampliando quella che sarebbe stata la sezione «off» dell’evento dal vivo.

In particolare, si fa notare una competizione che durerà per tutto il mese di maggio: Il Torneo delle Mazzate. Un torneo di scazzottate a colpi di disegno, che vedrà contrapporsi coppie di fumettisti in un fight club virtuale, pronti a disegnare i colpi più violenti che la matita gli consente.


Sotto l’occhio di arbitri imparziali (e per la finale di Davide Toffolo, magister di questa edizione del Comicon), otto disegnatori si sfideranno ogni mercoledì e sabato alle 18 sui canali Facebook e YouTube del Comicon. Come? Ognuno dei disegnatori avrà un proprio «lottatore» (disegnato, s’intende) e, da bravo allenatore, sceglierà quali mosse fargli compiete in turni serrati da 4 minuti a testa. Ogni mossa è valida: da regolamento, i colpi possibili sono «tutti quelli sferrabili con le più affilate tecniche di combattimento disegnato: linee, forme, macchie, colori e… persino cancellature!» e lo stesso vale per reazioni e mosse di difesa, muovendosi su fogli virtuali condivisi.

Gli allenatori-disegnatori in campo saranno Simone Angelini, Paolo Cattaneo, Carmine Di Giandomenico, Enrico Macchiavello, Vincenzo Filosa, Martoz, Dr.Pira e Spugna. Il primo incontro si è tenuto eccezionalmente di domenica, il 3 maggio, e il primo vincitore è stato Carmine Di Giandomenico con il suo lottatore disegnato Ego contro Simone Angelini.

La particolare idea di questo torneo nasce in continuità con il programma della scorsa edizione della fiera: nel 2019, infatti, una delle esposizioni era stata dedicata a The Art of Pugni, una mostra dedicata all’iconografia dei pugni tra fumetto, animazione, videogiochi, grafica, cinema. Il confronto tra autori è un’idea che – sia sotto forma di incontro o di vero e proprio guanto di sfida, come in questo caso o come ad esempio in quello dei Pugilati letterari – ha sempre funzionato nell’attrarre pubblico e interesse.

L’attuale situazione li rende molto più complessi da gestire, ma per fortuna le tecnologie ci vengono incontro nella possibilità di dar vita a incontro e scontri che possono essere fruiti da tutti gli interessati e, anzi, potenzialmente potrebbero attrarre un pubblico nuovo, che per motivi logistico-geografici non avrebbe potuto partecipare. Si può sperare, dunque, che le idee nate come gestione di questa emergenza offrano nuovi spunti per allargare l’offerta quando sarà possibile tornare sul ring – o anche solo sul palco di un incontro – dal vivo.

L'autore: Camilla Pelizzoli

Laureata in Lettere moderne (con indirizzo critico-editoriale), ho frequentato il Master in editoria. Mi interessa la «vita segreta» che precede la pubblicazione di un libro – di carta o digitale – e mi incuriosiscono le nuove forme di narrazione, le dinamiche delle nicchie editoriali e il mondo dei blog (in particolare quelli letterari).

Guarda tutti gli articoli scritti da Camilla Pelizzoli

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.