Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

L'Italia che verrà

digitalDevice
L'Italia che verrà
Articolo
 
Accedi o registrati per scaricare il file
Dal 2001 al 2006 l’Aie si era impegnata attraverso l’Osservatorio sui contenuti digitali a comprendere – prima nell’ambito didattico, poi della famiglia, quindi tra gli heavy users di Internet e delle nuove tecnologie (NT), quindi dei giovani (la «digital generation ») – come cambiano i modi di accesso ai «contenuti» digitali. Il passaggio all’attuale versione dell’Osservatorio («GdL», 5, maggio 2007, p. 21, doi: 10.1390gdl0507_scuola_tecnologie ) appare come necessaria conseguenza di quelle precedenti ricerche. Comprendere come si utilizzano le tecnologie per accedere a contenuti editoriali è oggi fondamentale per tutte le aziende che operano nella produzione di musica, libri, cinema. Importante, più che sapere il numero di connessioni Internet a banda larga o dei telefonini in famiglia. Osservare con continuità attraverso un Osservatorio la rapidità dei cambiamenti in una società sempre più «liquida», diventa quindi strategico per le imprese per poter comprendere come contenuti editorialmente qualificati, che sono sempre più il primo anello della catena del valore di altri sistemi industriali e di telecomunicazione, vengono utilizzati dal pubblico, distribuiti, condivisi, mixati.
 

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.