Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

L’editoria per la parità di genere: le iniziative a sostegno

di Andrea Buzzi notizia del 5 aprile 2022

Attenzione, controllare i dati.

Quello della parità di genere e dell’inclusività è un tema caro agli editori, strettamente legato al loro ruolo di promotori sociali e culturali, nei confronti del quale si stanno sviluppando un’attenzione sempre crescente e, di conseguenza, iniziative sempre più mirate.

Tra i progetti più recenti troviamo quello presentato da Pearson Italia, che, pochi mesi fa, ha presentato un’indagine per approfondire la parità di genere nelle scuole dal nome #GenerazioneParità: tra i dati emersi, l’80,43%  dei 3.500 insegnanti italiani intervistati ritiene la parità di genere un argomento di assoluta importanza e il 57,61% di loro lo affronta inserendolo direttamente nel programma scolastico.

Insieme alla ricerca anche un libro, #GenerazioneParità: educare alla parità e alle differenze di genere, un convegno online, Libere (di essere): per bambine, ragazze e donne protagoniste di domani, e, dal 4 aprile, un nuovo percorso di social reading Generazione Parità. Storie di emancipazione, di coraggio, di straordinaria semplicità, che, in collaborazione con Betwyll – la app per il social reading di TwLettura – sarà a disposizione delle ragazze e dei ragazzi delle scuole secondarie di tutto il Paese per cinque settimane.

Accessibile tramite l’app My Social Reading, il percorso si divide in due parti: la prima, intitolata Leggi e valori (dal 4 al 17 aprile), dedicata alla lettura di testimonianze di voci femminili che, fin dal passato, invitano a riflettere sui valori delle tradizioni non scritte, della solidarietà, della libertà e del rispetto dell'ambiente; la seconda (dal 18 aprile all’8 maggio), dal titolo Talenti e scelte, farà scoprire a ragazze e ragazzi i talenti di figure femminili che hanno compiuto scelte di vita coraggiose o ribelli, segnando talvolta svolte epocali.

A fine 2021 anche Rizzoli Education, afferente al Gruppo Mondadori, ha approfondito il suo impegno a tutela della parità di genere intraprendendo un percorso di sensibilizzazione che aveva l’obiettivo di fornire al mondo della scuola modelli sempre più inclusivi.

La casa editrice ha redatto un manifesto, una dichiarazione di valori e di intenti, che pongono un’attenzione sempre maggiore all’avvicinamento della collettività, le studentesse e gli studenti, le loro famiglie e il corpo docente ai valori della parità di genere, della multiculturalità e dell’inclusione, perché, come si leggeva nel comunicato, «proprio la pluralità di pensiero è in grado di offrire nuove opportunità».

Il percorso fa parte di una più ampia raccolta di iniziative dedicate al tema a cui Gruppo Mondadori ha dedicato la nuova sezione Diversity & Inclusion del sito istituzionale, creata appositamente per raccontare gli obiettivi e i progetti dell'azienda per le pari opportunità.

Qualche tempo prima l’editore Zanichelli, in collaborazione con linguisti e linguiste, sociologi e sociologhe, autori e autrici, ha stilato il programma Obiettivo 10 in parità: 10 linee guida per promuovere la parità di genere nei libri, consultabili sul sito.

Il decalogo prevede, nei suoi punti chiave, di evitare gli stereotipi, di rappresentare in modo paritario tutti i generi e di utilizzare un linguaggio inclusivo, in modo tale da fornire agli alunni e alle alunne gli strumenti che li aiutino a capire quanto sia fondamentale avere maggiore libertà di pensiero e possibilità di scelta.

Anche le librerie non sono state da meno nell’intento di abbracciare i valori di uguaglianza. Per il 50esimo anniversario la libreria per ragazzi di Renata Gorgani, direttrice editoriale dell’Editrice il Castoro, ha cambiato il suo nome in Libreria dei ragazzi e delle ragazze: «La nostra libreria è nata inclusiva: è «dei» ragazzi non «per» i ragazzi. È la loro casa, e noi siamo pronti ad ascoltarli. Da oggi vogliamo segnalare questa caratteristica già nel nome della libreria. La lingua si è aperta in questi decenni ed è giusto che noi la accogliamo».

Infine, in occasione dell’8 marzo anche AIE è scesa in campo insieme con il mondo del libro, sostenendo e promuovendo la campagna Rai «Uguali e insieme»: oltre 40 case editrici e più di 200 autrici e autori hannoaderito all’iniziativa organizzata in occasione della Giornata internazionale della donna, una campagna di sensibilizzazione sulla parità di genere.

Dal presidente e dal direttore di AIE, Ricardo Franco Levi e Fabio Del Giudice, passando per i vertici dei grandi gruppi editoriali così come delle piccole case editrici, in centinaia «ci hanno messo la faccia», postando sui social network le loro foto con le braccia parallele a comporre il simbolo dell’uguale con gli hashtag #8marzo e #ugualieinsieme. 

L'autore: Andrea Buzzi

Laurea in Scienze e Tecniche della Comunicazione e master in Digital Publishing e Influencing Marketing organizzato da Università Bocconi e Condé Nast. Mi occupo principalmente di comunicazione scritta. Libri e social media il mio mix preferito.

Guarda tutti gli articoli scritti da Andrea Buzzi

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.