Il tuo browser non supporta JavaScript!
Normativa

Anche la Navarra pagherà il diritto d'autore per i prestiti in biblioteca

di Alessandra Rotondo notizia del 5 marzo 2020

Attenzione, controllare i dati.

Dopo la Comunità autonoma di Madrid, anche la Navarra comincerà a remunerare gli autori per i prestiti bibliotecari delle loro opere, siano esse libri, film o musica. L’accordo è stato sottoscritto qualche giorno fa da Rebeca Esnaolaministra della cultura e dello sport – e dal presidente del CEDRO (Centro Español de Derechos Reprográficos) Daniel Fernández.

L’obiettivo è, da un lato, la definizione delle condizioni per la difesa e l’esercizio della proprietà intellettuale, con la conseguente remunerazione da parte della Comunità regionale in base al volume dei prestiti effettuati in biblioteca. Dall’altro, la promozione della lettura, poiché il CEDRO s’impegna a garantire alla rete bibliotecaria della Navarra un sostegno (anche economico) alle attività abitualmente organizzate, al loro sviluppo e alla loro concezione.

L’accordo regola gli importi dovuti in corrispondenza ai prestiti concessi nelle biblioteche dei comuni con oltre 5 mila abitanti a partire dal primo gennaio 2019. Ma anche, retroattivamente, quelli riferiti al periodo 2015-2018, sempre nelle sole biblioteche dei comuni con oltre 5 mila abitanti. Per entrambe le categorie il governo della Navarra, attraverso il Dipartimento di cultura e sport, s’impegna a fornire al CEDRO i dati necessari per il calcolo dei compensi, secondo le aliquote stabilite.

«La promozione della cultura e degli autori non è possibile senza il fermo impegno e il sostegno delle pubbliche amministrazioni e la Navarra ha fatto un passo molto importante in questa direzione» ha commentato Fernández.

La regione presenta il più alto tasso di visite in biblioteca della Spagna: in media 6,4 l’anno per ciascun abitante, come riferiva il Nastat (l’Istituto nazionale di statistica della Navarra) a dicembre dello scorso anno. Nel 2019 è stata quasi la metà della popolazione (il 49,3%) a usufruire dei servizi bibliotecari, offline od online. E l’accesso a questi ultimi, tra il 2016 e il 2018, è cresciuto quasi del 14%.

In Italia la remunerazione del diritto d’autore sul prestito in biblioteca è gestita attraverso il Fondo per il diritto di prestito pubblico, istituito nel 2006 in ottemperanza alla direttiva europea sul diritto di prestito. La normativa nazionale affida alla SIAE il compito di ripartire il Fondo tra gli aventi diritto.

L'autore: Alessandra Rotondo

Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Da diversi anni mi occupo di contenuti, dal 2015 al Giornale della libreria. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.