Il tuo browser non supporta JavaScript!
Librerie

La Francia in soccorso delle librerie indipendenti: una tassa sulle consegne per limitare lo strapotere di Amazon

di Redazione notizia del 3 ottobre 2022

Attenzione, controllare i dati.

La Francia è pronta a imporre una tariffa minima di 3 euro per la spedizione degli ordini di libri online inferiori a 35 euro. L'obiettivo è ridurre il gap competitivo tra le librerie indipendenti e i giganti dell'e-commerce. Secondo quanto stabilito da una legge del 2014, in Francia è vietata la consegna gratuita di libri. Tuttavia, colossi come Amazon e Fnac aggirano il divieto facendo pagare un centesimo per ogni consegna, mentre le piccole librerie sono costrette fino a 7 euro per la spedizione di un libro.

Ora, con la tariffa minima di 3 euro, Parigi punta a «ristabilire un equilibrio tra le grandi piattaforme di e-commerce, che offrono la consegna praticamente gratuita dei libri a prescindere dalle dimensioni dell'ordine, e le librerie che non possono eguagliare questi prezzi di consegna», hanno dichiarato i ministeri della Cultura e delle Finanze in un comunicato congiunto. Il piano della Francia sarà notificato alla Commissione Europea e la tassa minima di consegna entrerà in vigore sei mesi dopo il via libera dell'UE.

Se il governo è fiducioso sull'efficacia dell'intervento, l'associazione delle librerie francesi SLF ha definito la tassa una misura insufficiente. L'associazione ha chiesto al governo di abbassare le tariffe delle poste francesi per le spedizioni. In Francia si contano oggi circa 3.300 librerie indipendenti che, nonostante abbiano resistito all'espansione di Amazon grazie alla legge del 1981 che vieta di praticare sconti sui prezzi dei libri nuovi, hanno visto ridursi sensibilmente la loro quota di mercato.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.