Il tuo browser non supporta JavaScript!
Lettura

Nasce RidinTacc, l'app dell'IC Nitti di Roma per potenziare la lettura tra gli studenti adolescenti

di Redazione notizia del 2 febbraio 2022

Attenzione, controllare i dati.

L’Istituto Comprensivo Nitti di Roma ha presentato RidinTaccl’applicazione web che ha come obiettivo quello di avvicinare al mondo dei libri gli studenti delle scuole secondarie suggerendo i titoli più adatti alle caratteristiche del lettore. 

Il lancio è avvenuto durante la settimana conclusiva di #ioleggoperchè, l'iniziativa sociale dell’Associazione Italiana Editori nata per portare libri nelle biblioteche scolastiche di tutta Italia. La manifestazione 
ha chiuso nel 2021 con un bilancio di 450 mila libri, di cui 350 mila donati dai cittadini nelle 2.743 librerie aderenti e destinati alle biblioteche scolastiche delle 20.388 scuole iscritte. 

RidinTacc consente ai ragazzi di scegliere e scambiarsi consigli sui libri letti con i compagni, stilando classifiche e scrivendo recensioni sui libri che più hanno amato, all’interno di una community protetta. L’idea è quella di stimolare gli adolescenti a creare una community online di nuovi lettori e rendere divertente e coinvolgente la lettura, adeguandola ai nuovi spazi digitali a disposizione dei ragazzi. 

Secondo la scuola media I.C. Nitti, infatti – che lo scorso anno si è interrogata sull’uso del cellulare e del computer in relazione alle abitudini di lettura  la didattica a distanza, conseguenza dell’emergenza Covid19, ha favorito la dispersione scolastica ed abbassato il livello delle competenze, avviando una fuga verso proposte ludiche (videogame, serie tv, YouTube, uso del cellulare in contemporanea alle lezioni) che hanno spinto i ragazzi a una forte disattenzione nel seguire le lezioni online, con un conseguente crollo delle abilità di concentrazione, comprensione ed esposizione. La lettura viene così spesso percepita come attività poco attraente, faticosa e superflua. 

Da qui la porposta della scuola ai genitori: creare una app, ispirandosi a quelle di social reading già presenti sul mercato, che i ragazzi possano utilizzare per scegliere e consigliarsi i libri secondo loro più belli, così da modernizzare il catalogo scolastico e scoprire effettivamente cosa può piacere agli studenti.

A investire nel progetto è stato il genitore di uno degli studenti dell'Istituto, che con la sua azienda, Computime4it, ha gratuitamente realizzato la app. Lo strumento è semplice, moderno e facilmente utilizzabile da qualunque scuola: è una community sicura, alla quale si accede tramite Google Classroom, piattaforma web già familiare agli studenti per la sua funzione di «classe virtuale» durante le lezioni in DAD.

I ragazzi possono utilizzare l'app per pubblicare i propri consigli di lettura o per cercare i libri più votati tra quelli dei compagni o dei docenti. Ogni titolo può infatti essere valutato e recensito, in modo che si crei automaticamente una classifica dei libri più amati. Per ogni libro sono indicati anche il numero di pagine, una sinossi e le classi che lo hanno votato maggiormente, così che i ragazzi possano scegliere il libro più adatto alle loro esigenze anche in base all'impegno e all'età. 

I docenti, invece, possono selezionare, creare e condividere booktrailer, video consigli e videolezioni a tema. L’applicazione offre inoltre agli studenti la possibilità di scoprire dove si trova fisicamente il libro scelto per poterlo ritirare di persona dai microlibrai, nelle biblioteche o nelle librerie.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.