Il tuo browser non supporta JavaScript!
Mercato

Mondadori e GeMS nella classifica 2020 dei primi 50 gruppi editoriali del mondo

di Bruno Giancarli notizia del 27 gennaio 2021

Attenzione, controllare i dati.

Con un fatturato di oltre 5 miliardi di euro, RELX group si conferma per il secondo anno consecutivo il più importante gruppo editoriale al mondo. Al secondo posto si colloca Thomson Reuters, che a sua volta scavalca Pearson. Seguono Bertelsmann, Wolters Kluwer e Hachette Livre. Salgono di due posizioni gli italiani Gruppo Mondadori e Messaggerie/GeMS, appaiati al 36esimo posto.

Così recita la classifica 2020 – ma redatta sui bilanci 2019 – dei 56 gruppi editoriali con un fatturato superiore a 150 milioni di euro, redatta sin dal 2007 da «Livres Hebdo», «Bookdao», «Buchreport» e  «Publishers’ Weekly».

La graduatoria mostra che a livello globale sono l’editoria professionale e quella accademica a guadagnare terreno: «assieme coprono quasi il 60% del fatturato a bilancio complessivo», si legge nel rapporto che accompagna lo studio; trade e scolastica devono accontentarsi di poco più di un quinto a testa del totale. Analizzando le prime posizioni, si scopre inoltre che i primi 10 gruppi rappresentano il 53% del mercato misurato, percentuale che sale al 74% arrivando alla ventesima posizione. Si accentua dunque un fenomeno di concentrazione già osservato negli anni precedenti.


Per quanto riguarda i gruppi che lavorano sul trade, si assiste – sempre leggendo la relazione – al peso crescente di ebook e audiolibri, ma soprattutto al sempre maggiore interesse per la crossmedialità. Sono da questo punto di vista emblematiche le opposte strategie di Vivendi, che in Francia a metà 2019 ha acquisito Editis proprio puntando su questo aspetto, e di ViacomCBS, neonato gigante dell’entertrainment che pochi mesi fa ha venduto Simon & Schuster considerato strategicamente non rilevante, a Bertelsmann. Sarà interessante negli anni a venire capire in quale misura e con quale velocità verranno attuati meccanismi di concentrazione simili e che tipo di impatto avranno.

L’edizione 2020 del rapporto vede per il secondo anno consecutivo la presenza dell’editoria cinese, assente nelle indagini 2017 e 2018. Mancano però i dati di Central China Publishing & Media Investment Holding Group, colosso dell’editoria scolastica da oltre 700 milioni di euro.

La comparazione permette di constatare una sostanziale stabilità del panorama globale: quasi tre quinti del fatturato analizzato (59,2%) è relativo a gruppi aventi la propria sede principale in Europa. Segue il Nord America che, seppur in leggero calo rispetto all’anno precedente, con un 23,9% tiene a distanza l’editoria asiatica (16,1%).

Il grafico illustra meglio di tante parole – e su basi sostanzialmente simili – quanto è avvenuto tra 2012 e 2019.


Guardando invece alla situazione europea, non si assiste a grosse novità tra l’ultimo rapporto e il precedente: Gran Bretagna, Germania e Francia rimangono le nazioni nelle quali i più grandi gruppi producono la maggior parte del fatturato continentale, rispettivamente con il 35,4% (6 società), 26,4% (10 società) e 14,5% (6 società). Le differenze con il 2018, come si vede, sono di pochi decimali.


La domanda che possiamo porci a questo punto è se la relativa staticità del panorama europeo e mondiale a cui eravamo abituati sia destinata a durare nei prossimi anni. Se nel 2019 l’incognita era costituita dai potenziali effetti della Brexit, sono adesso le conseguenze della pandemia a catalizzare le attenzioni. Nell’attesa del rapporto 2021, alcune indicazioni di massima sono contenute già nell’attuale edizione: il tendenziale saliscendi che ha caratterizzato il 2020 viene guardato dagli esperti con cauto ottimismo. Stando all’opinione di Kristen McLean, analista di mercato della sezione libri del gruppo NPD, «le vendite di libri hanno rappresentato la cartina di tornasole della psicologia dei consumatori […]». Sulla base dei dati raccolti fino a settembre 2020, continua, è lecito aspettarsi «un solido 2020 e 2021 per l’editoria».
Confidiamo nella voce degli esperti.

L'autore: Bruno Giancarli

Dottorato in filosofia a Firenze, Master in editoria di Unimi, Aie e Fondazione Mondadori. Attualmente in stage presso l'Ufficio studi Aie. Mi interessano i dati della filiera editoriale e le loro possibili interpretazioni.

Guarda tutti gli articoli scritti da Bruno Giancarli

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento