Il Consiglio di amministrazione del Gruppo 24 Ore ha approvato i risultati di bilancio al 31 dicembre 2015. I ricavi consolidati del Gruppo sono pari a 325 milioni di euro, in crescita del 4% rispetto al 2014. L’incremento è stato trainato in particolar modo dalla raccolta pubblicitaria (126,7 milioni di euro, +11,2% rispetto al 2014) e dai ricavi dell’Area Formazione ed Eventi, pari a 33 milioni di euro – in crescita di 4,1 milioni di euro, +14,2% rispetto all’anno precedente –, dovuti soprattutto al buon andamento della 24 Ore Business School. La crescita di 24 Ore Cultura, invece, è in linea con quella degli anni scorsi, facendo segnare un +1,5% rispetto al precedente esercizio (e attestandosi a 19,8 milioni di euro).

Il margine operativo lordo di Gruppo 24 Editrice, positivo per 5,6 milioni di euro, è in miglioramento di 4,7 milioni di euro, confrontandosi con un risultato di 0,8 milioni di euro del 2014. Nello specifico, il quotidiano «Il Sole 24 Ore» si conferma nel 2015 il primo quotidiano digitale, con circa 218 mila copie medie (+18,5% rispetto al 2014), e il secondo quotidiano nazionale per diffusioni complessive di carta più digitale, con un valore medio di circa 375 mila copie complessive carta (+2,2% verso il 2014). Alle copie cartacee e digitali si aggiungono, poi, gli oltre 36 mila abbonamenti de IlSole24ore.com, da tre anni in paywall.

I ricavi digitali complessivi del Gruppo ammontano a 106,7 milioni di euro e sono pari al 32,8% del totale (erano il 30,7% nel 2014), in incremento dell’11,2% rispetto all’anno precedente. Invece, come riporta il comunicato, «I ricavi derivanti dalla vendita di collaterali, libri e periodici cartacei sono in calo complessivamente di 7,1 milioni di euro (-24,3%) rispetto al 2014, per effetto della contrazione del mercato e per la scelta strategica di ridurre il portafoglio dei prodotti cartacei».

Ulteriori informazioni sono consultabili visionando il comunicato stampa diffuso sul sito www.gruppo24ore.ilsole24ore.com.

L'autore: Alessandra Rotondo

Dal 2010 mi occupo della creazione di contenuti digitali, dal 2015 lo faccio in AIE dove oggi coordino il Giornale della libreria, testata web e periodico in carta. Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Unimi, AIE e Fondazione Mondadori. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: editoria, libri, podcast, narrazioni su più piattaforme e cultura digitale. La mia cosa preferita è il mare.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo