Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Fiere e saloni

Salgàri celebrato con un pranzo letterario

di L. Novati notizia del 29 aprile 2011

Venerdì 29 Aprile 2011, si è tenuto a Verona, sua città natale, un pranzo celebrativo – nella migliore tradizione funeraria – del centenario della morte di Emilio Salgàri (Emilio Carlo Giuseppe Maria Salgàri, Verona, 21 agosto 1862 – Torino, 25 aprile 1911), lo scrittore più amato da molte generazioni di ragazzi dell’Italia unita. Il menu è stato ricavato da un’opera dello scrittore, non dedicata a corsari e pirati e all’invincibile Sandokan, ma, sorprendentemente, a La Bohème italiana (Bemporad, 1909): un romanzo che dimostra la vicinanza di Salgàri alla Scapigliatura, ed ha anche numerosi riferimenti autobiografici. Ambientato a Torino e dintorni nel 1899, racconta di un gruppo di amici artisti e scanzonati che si ritirano in una casa in campagna e vi fondano la «Topaia artistica» ribattezzando se stessi «Topi». Qui passano i giorni tra scherzi, burle feroci, grandi mangiate e abbondanti bevute intercalate da periodi di digiuno forzato a causa della mancanza di denaro. Al capitolo XV, Il pranzo dei topi, leggiamo: «La sera fu deciso di fare per l'indomani un gran pranzo per festeggiare l'arrivo del nostro letterato e inaugurare contemporaneamente la nostra Topaia. Ora che la famiglia artistica era al completo, si poteva fare». E così ha fatto un gruppo di salgariani doc., innaffiando il tutto con vivace Valpolicella, visto che le prenotazioni si raccoglievano presso il Consorzio Pro Loco Valpolicella.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.