Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

La primavera dei tascabili

di G. Pepi notizia del 17 novembre 2011

Attenzione, controllare i dati.

La casa editrice Mondadori si appresta a lanciare sul mercato una nuova collana di narrativa, Libellule, che da gennaio sbarchera' in tutte le librerie italiane. Ad essere presentata, a prezzi contenuti, sara' una serie di racconti lunghi e romanzi brevi per dare a tutti i lettori il piacere della lettura. Racconti concentrati firmati da autori di grande successo, italiani e stranieri.
Se la Mondadori lancia sul mercato una nuova collana di libri alla portata di tutti, il settore dei tascabili fa intanto registrare dati molto positivi: nelle grandi catene, nelle librerie indipendenti,
nei canali di grande distribuzione e nelle librerie online il mercato è segnato da una crescita sensibile del settore.
E i dati parlano chiaro. Nel 2008, spiegano secondo i dati Aie le vendite di paperbook rappresentavano il 18,1% del mercato. Nel 2009 sono salite al 18,6% e nel nel 2010 al 20,3%. Non basta. La crescita a valore, ovvero non in termine di copie ma in termini reali, tra il 2008 e il 2009 e' stata del più 6,6% mentre tra il 2009 e 2010 del +10,6%. C'e' stato, insomma, uno spostamento della spesa dei lettori italiani verso il paperbook per effetto dell'uscita di nuove collane, per una serie di campagne promozionali fatte dagli editori, soprattutto nella prima parte
dell'anno, nei canali di vendita delle librerie.I primi quattro sono: Il diavolo, certamente di Andrea Camilleri, L'amore quando c'era di Chiara Gamberale, Il vagone di Arnaud Rykner, Esercizi superficiali di Raffaele La Capria, a cui seguiranno in febbraio libri firmati da Francesco Guccini, William Vollmann, Alberto Cavanna.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.