Il tuo browser non supporta JavaScript!
Curiosità

Più di un terzo delle famiglie italiane non ha un pc (o un tablet) in casa

di Alessandra Rotondo notizia del 16 aprile 2020

Attenzione, controllare i dati.

A rivelarlo sono alcuni dati condivisi da Istat pochi giorni fa, con riferimento al biennio 2018-2019. La quota (del 33,8% di media) scende al 14,3% tra le famiglie con almeno un minore, ma schizza al 41,6% nelle regioni del Sud, dove la percentuale di case caratterizzate da una copertura «uno a componente» di tablet e/o personal computer si arresta a poco più del 14, contro una media nazionale – già abbastanza scarna – del 22,2%.

Sono dati particolarmente interessanti da apprendere in queste settimane, quando gli schermi dei nostri dispositivi diventano portali d’accesso importanti ai mondi che abbiamo dovuto lasciare fuori dalla porta. L’emergenza legata alla diffusione del Covid-19, infatti, ha messo in evidenza la necessità di avere a casa una strumentazione informatica adeguata per consentire agli studenti la possibilità di seguire le lezioni a distanza, a chi lavora di continuare a farlo da casa, a chiunque lo desideri di relazionarsi con gli altri, guardare film e serie, coltivare forme di intrattenimento per il tempo libero.


Tutte attività che risultano di complessa gestione in un panorama nazionale in cui il 57% dei minori in età scolare (6-17 anni) deve condividere la dotazione informatica con la propria famiglia (contro un 6,1% che dispone del proprio computer/tablet personale). Per cui, sebbene la stragrande maggioranza di questi bambini e ragazzi viva in una casa col l’accesso a Internet (96%), non sempre questa è condizione necessaria e sufficiente per consentire di svolgere le proprie attività in rete.

Venendo alla distribuzione geografica del fenomeno, le regioni del Sud sono quelle più colpite sia dall’assenza di dispositivi in casa che dalla loro insufficiente presenza (il 26,6% ha a disposizione un numero di pc e tablet per meno della metà dei componenti). Viceversa, nelle regioni del Nord la porzione di famiglie con almeno un computer in casa è maggiore: in particolare a Trento, Bolzano e in Lombardia, dove oltre il 70% ne possiede almeno uno, come pure nel Lazio. E nel Nord cresce anche la quota di famiglie in cui tutti i componenti hanno un pc, superando il 26%.

Un panorama molto disomogeneo, insomma, sul quale faranno altrettanto disomogenea presa le tante iniziative attivate in queste settimane per agevolare la riorganizzazione delle agende digitali dei più piccoli. Se non altro per questioni pratiche, concrete, legate alle possibilità di fruizione.

I dati Istat ispirano anche riflessioni apparentemente controintuitive sullo stato del digitale in Italia e sulla sua diffusione presso le fasce d’età più giovani, alle quali ci siamo abituati ad attribuire in automatico uno statuto di appartenenza digitale.



Si apprende, infatti, che «nel 2019, tra gli adolescenti di 14-17 anni che hanno usato Internet negli ultimi 3 mesi, due su 3 hanno competenze digitali basse o di base mentre meno di tre su 10 (pari a circa 700 mila ragazzi) si attestano su livelli alti». A fronte di un 3% che non ha alcuna competenza digitale, circa i due terzi presentano competenze digitali basse o di base.

Potrebbe voler significare che quei giovani e giovanissimi che immaginiamo sempre impegnati in un fluido e continuativo utilizzo dei loro smartphone non dispongano, in realtà, di solide precognizioni digitali e sul digitale. Che complice potrebbe essere anche la scarsa disponibilità di device diversi dallo smartphone, e che il semplice accesso all’infrastruttura Internet e l’utilizzo dello strumento non siano in realtà garanti né di alfabetizzazione né di buona educazione digitale.

Le rilevazioni Istat, peraltro, misurano la percezione di queste capacità secondo le indicazioni del «Digital Competence Framework», quindi facendo differenza tra diversi tipi di skill: dalla ricerca/archiviazione e analisi delle informazioni in rete all’abilità a comunicare in ambienti digitali, dalla capacità di risolvere problemi tecnici a quella di servirsi di software per creare contenuti testuali, audio e video, all’applicazione dei diritti di proprietà intellettuale. Uno spettro che aiuta senza dubbio a indagare meglio – magari cogliendone i limiti – la categoria opaca dei «nativi digitali».

L'autore: Alessandra Rotondo

Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Da diversi anni mi occupo di contenuti, dal 2015 al Giornale della libreria. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.