Il tuo browser non supporta JavaScript!
Persone

Levi rieletto presidente AIE: «Una Next Generation Italy più istruita», e i ministri si impegnano

di Redazione notizia del 22 luglio 2021

Attenzione, controllare i dati.

Il libro, la lettura, il diritto allo studio e l’istruzione al centro del Paese per costruire la «next generation Italy», più istruita, più preparata, meno diseguale: è la richiesta che arriva dal presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi nel giorno della sua rielezione decisa dall’assemblea degli editori e il cui messaggio è stato condiviso dai tre ministri dell’Università Maria Cristina Messa, dell’Istruzione Patrizio Bianchi e della Cultura Dario Franceschini, intervenuti all’assise.

«Promozione della lettura e diritto allo studio – ha spiegato Levi – sono e rimangono al centro delle nostre preoccupazioni, soprattutto con una parte del paese nella quale si legge tanto quanto nella migliore Europa e un’altra parte del paese nella quale si legge per la metà, dove mancano librerie e biblioteche, dove quasi tutti i parametri che misurano l’istruzione indicano situazioni di crisi. Questo è il divario che si deve colmare. Questa è la vera emergenza nazionale».

Gli editori arrivano da un anno di buoni risultati, grazie alla loro intraprendenza e a quella di tutta la filiera, certo, ma anche grazie «alle politiche pubbliche di sostegno alla domanda» approntata da Governo e Parlamento negli ultimi 18 mesi. E gli interventi dei tre ministri hanno confermato questa attenzione. «Il prossimo banco di prova sarà la nuova legge sul libro, ha spiegato Dario Franceschini: «Ora è importante far tesoro di questi risultati – ha spiegato il ministro ricordando le azioni intraprese nell’ultimo anno – procedendo con decisione verso una legge per l’editoria che, come quella per il cinema, introduca un sostegno pubblico più organico a una delle maggiori industrie culturali e creative del Paese. È un impegno che ho preso e che intendo portare avanti insieme a voi e a tutte le realtà del mondo dell’editoria».


Ma la legge sul libro appare un tassello di un quadro più ampio. «Insieme a voi, noi vogliamo anche colmare i divari che esistono» ha spiegato Maria Cristina Messa. «Non solo divari territoriali tra varie regioni d’Italia, non necessariamente tra Nord e Sud, ma anche divari tra centro e periferia, rispetto al diritto allo studio, al sostegno alle famiglie, divari tra persone solide e persone fragili a cui va data pari opportunità; divari anche tra chi, grazie al mondo della cultura e della conoscenza, ha saputo avvicinarsi al testo, al libro».


Patrizio Bianchi
ha ricordato che «la lettura e il bisogno di lettura tornano al centro anche della scuola, una scuola che, è vero, in questo periodo ha usato altri strumenti, a volte li ha anche subiti, ma sicuramente ha trovato la voglia di condividere assieme dei percorsi di conoscenza e di sapere. Sapere, quindi leggere, quindi appropriarsi dell’emozione, del pensiero, della riflessione degli altri». «Il libro scolastico – ha poi continuato – ha dimostrato proprio in questo periodo la sua essenzialità, ha dimostrato in questo periodo come diventi fondamentale, qualunque sia lo strumento di relazione, avere poi un testo a cui riferirsi per potere stabilmente fondare una propria capacità di accumulazione di conoscenza, una propria capacità di rielaborazione, una propria capacità di trasmissione».


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento