Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Librerie

Giornata nazionale per la promozione della lettura: oggi legge solo 1 italiano su 3

di L. Biava notizia del 24 marzo 2011

Nata nel 2009 come giornata nazionale volta alla promozione della lettura, il 23 marzo è oggi una festa quasi dimenticata. A contribuire, come testimoniano i primi dati del Rapporto sull'Acquisto e la Lettura di libri commissionato dal Centro per il libro e la lettura alla Nielsen Company, è anche lo scarso interesse manifestato dagli italiani per i libri e la pratica del leggere.
Solo un terzo della popolazione italiana adulta ha infatti dichiarato di aver comprato almeno un libro nel trimestre da ottobre a dicembre 2010: come già emerso dai dati Istat, i maggiori acquirenti sono donne, 34%, contro il 31% degli uomini.
Il canale d'acquisto preferito resta invece la libreria tradizionale per il 65% della popolazione, mentre il 28% preferisce la grande distribuzione e il 10% internet, dati che fanno riflettere anche sulla grande prevalenza dei libri cartacei, acquistati dal 99,8% degli intervistati, a dispetto dell'appena 0,8% che avrebbe optato anche o solo per l'ebook.
«Lo svantaggio principale dei libri in Italia è il fatto che campano sulle proprie gambe. Se l'editoria italiana fosse di Stato, come sono in parte altri settori della cultura, avrebbe più peso. Siccome è un settore abbastanza prospero, non gode di nessuna attenzione» ha sottolineato Gian Arturo Ferrari, presidente del Centro per il libro e la lettura.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.