Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Librerie

Amazon si inchina a Harry Potter

di G. Vassi notizia del 28 marzo 2012

L’attesa è stata estenuante, capace di mettere a dura prova anche i fan (digitali) più agguerriti ma finalmente, da ieri, sono in vendita gli e-book di Harry Potter dal sito di Pottermore. 
Gli e-book compariranno nelle vetrine dei siti dei vari retailer (tra cui Amazon) ma saranno commercializzati solo tramite il sito di Pottermore. Si tratta probabilmente della prima volta in cui Amazon e Barnes & Noble permettono di far vendere un e-book a una terza parte per poi essere scaricato sui propri device. La paura di restare fuori dai giochi ha fatto in modo che, piuttosto che niente, ricevessero delle referral fees (anche se i termini non sono stati specificati).
Entusiasta il Ceo Charlie Redmayne che si dichiara convinto che gli e-book garantiranno un rinnovato interesse sia per il cartaceo che per il digitale e andranno a contrastare il mercato delle versioni pirata dei titoli. Pottermore dovrebbe infatti usare un sistema di watermarking che personalizza ogni e-book e permette quindi di rintracciare gli utenti: «I libri di Harry Potter sono già piratati in maniera estensiva. Credo che dovremmo imparare dalla musica e rendere il contenuto disponibile su tutte le piattaforme, al prezzo opportuno». Ma la questione sui DRM è controversa. Contrariamente alle varie dichiarazioni, non tutti gli e-book sono DRM-free come era stato fatto intendere ieri: quelli targati Kindle sono protetti da DRM mentre la versione ePub non lo è. Insomma, gli e-book di Harry Potter non possono propriamente essere letti su ogni device in ogni luogo come recita lo slogan che si trova sul sito.Riguardo all’accordo con Sony, Google, Amazon, B&N, afferma che si tratta di qualcosa veramente unico e straordinario. WHSmith, Kobo, Waterstone e altri si aggiungeranno presto alla lista dei retail partner anche se i file ePub possono già essere scaricati e fruiti tramite le app dedicate. Il grande escluso alla festa sarà Apple che non ha trovato l’accordo per rendere disponibili i titoli sull’iBookstore.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.