Si accende lo scontro tra Apple e Spotify sugli audiolibri. Secondo quanto riferisce il New York Times, nell'ultimo mese l'azienda di Cupertino ha bloccato per tre volte l'aggiornamento dell'app sul suo store, affermando che la  nuova offerta di audiolibri violava le regole che disciplinano il modo in cui gli sviluppatori possono comunicare con i clienti sugli acquisti online. Negli ultimi giorni è arrivato il via libera, ma Spotify è stata costretta a modificare i passaggi che gli utenti devono seguire per acquistare un audiolibroSi tratta solo dell'ultimo capitolo di una lunga battaglia tra Spotify e Apple. Per quasi sette anni, le aziende si sono scontrate sulle regole che Apple impone alle app e sulla sua pratica di riscuotere una commissione del 30% sui servizi e sui prodotti che le app vendono.

Secondo Spotify, lo scontro sugli audiolibri è un ulteriore esempio di come Apple ostacoli la concorrenza e le aziende rivali. Da quando ha presentato una denuncia all'antitrust contro Apple alla Commissione europea nel 2019, Spotify ha esortato le autorità di regolamentazione e i legislatori a dare agli sviluppatori di app la libertà di indicare ai clienti le modalità di acquisto di prodotti e servizi al di fuori del sistema di pagamento di Apple, che molte app sono tenute a utilizzare. La controversia sugli audiolibri offre uno spaccato delle sfide che gli sviluppatori devono affrontare quando cercano di introdurre nuove funzionalità. Per rispettare le regole di Apple, Spotify ha coinvolto il suo team legale nel processo di sviluppo del prodotto e ha incaricato un ex fondatore di start-up laureato in legge, Nir Zicherman, di guidare l'iniziativa. Da parte sua, Apple ha dichiarato di non avere nulla in contrario riguardo l'aggiunta di audiolibri da parte di Spotify, ma ha detto che quest'ultima non può farlo aggirando le regole che impediscono di fornire indirizzi web e un linguaggio che incoraggi i clienti a effettuare acquisti al di fuori della sua app. «Abbiamo fornito loro chiare indicazioni su come risolvere il problema e abbiamo approvato la loro app dopo che hanno apportato le modifiche necessarie per renderla conforme», ha dichiarato il portavoce di Apple.  

Non volendo concedere ad Apple una quota del 30% sulle vendite di audiolibri, Spotify ha sviluppato un piano ad hoc per indirizzare i suoi clienti all'acquisto dei titoli online. Due avvocati hanno seguito tutto il processo di sviluppo, per fare in modo che rimanesse entro i limiti imposti da Apple. Nella prima versione dell'aggiornamento dell'app, quando gli utenti cliccavano su un audiolibro, la schermata mostrava un'icona a forma di lucchetto sopra al pulsante di riproduzione dell'audio. Premendo il pulsante di riproduzione, gli utenti venivano indirizzati a una pagina in cui potevano richiedere un'e-mail per saperne di più. L'e-mail successiva conteneva il prezzo del libro e un link per acquistarlo. Zicherman ha detto che questo processo ha comportato un numero di passaggi superiore a quello desiderato dal suo team di sviluppo, ma che il risultato finale rispettava le regole di Apple. 

L'aggiornamento è stato approvato da Apple a metà settembre. Spotify ha lanciato la funzione giorni dopo, pubblicizzando i 300.000 titoli che stava rendendo disponibili. Quando in seguito Spotify ha presentato un aggiornamento dell'app con funzioni non correlate agli audiolibri, Apple lo ha bloccato. I revisori dell'App Store hanno detto a Spotify che l'offerta di audiolibri, che era stata precedentemente approvata, violava le regole che richiedono alle app di utilizzare il sistema di pagamento di Apple per sbloccare nuove funzioni. Il team di Zicherman ha modificato l'e-mail che i clienti avrebbero ricevuto, eliminando il pulsante di acquisto. L'hanno sostituita con un'e-mail che forniva ai clienti un link per sfogliare i titoli di audiolibri di Spotify. Apple ha respinto la modifica di Spotify giorni dopo, affermando che offrire ai clienti un pulsante per ricevere un'e-mail con altre opzioni di acquisto violava le regole dell'App Store. 

Zicherman ha dichiarato che il suo team si è consultato con lo staff legale di Spotify prima di decidere di eliminare la fase di invio delle e-mail dal processo di acquisto degli audiolibri. Al suo posto, l'azienda avrebbe invitato gli utenti ad andare sul sito web di Spotify per acquistare un libro. Lunedì Spotify ha comunicato che Apple ha respinto questa proposta. Il team del colosso di musica in streaming ha lavorato fino a martedì mattina su altre quattro opzioni. Quindi, ha eliminato le informazioni su come acquistare gli audiolibri dal sito web di Spotify. Le modifiche hanno ottenuto l'approvazione di Apple. «Non è possibile acquistare audiolibri nell'app», dice ora la pagina di destinazione. «Lo sappiamo, non è l'ideale».


Se Zicherman ha sottolineato gli «ostacoli» che Spotify deve affrontare nella sfida con Apple, Cupertino sostiene che la distribuzione che fornisce a miliardi di iPhone e iPad ha favorito il successo dello stesso colosso della musica in streaming e di altre app. Secondo Apple, instradare gli acquisti delle app attraverso il suo sistema di pagamento protegge gli utenti dalle frodi e mantiene l'App Store sicuro per gli utenti. «Quasi quattro anni. Questo è il tempo trascorso da quando Spotify ha presentato una denuncia contro Apple alla Commissione Europea, e siamo ancora in attesa di una decisione», ha dichiarato Daniel Ek, amministratore delegato di Spotify, in un comunicato. Negli Stati Uniti, intanto, il Congresso sta valutando l'introduzione di una legge che potrebbe vietare ad Apple di richiedere alle app di utilizzare il suo sistema di pagamento.