Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
GDL TV

Paolo Tartaglino (Gruppo Educativo AIE): «Più fondi per le famiglie per l'acquisto dei libri scolastici»

di Redazione notizia del 21 novembre 2023


Tra i presidenti dei gruppi, nonché vicepresidenti dell’Associazione Italiana Editori, il 28 settembre durante l'assemblea è stato riconfermato 
Paolo Tartaglino, alla guida del Gruppo Educativo

Dopo oltre vent’anni nella redazione di Petrini editore, ha lavorato in Paravia – poi PBM – e attualmente opera in qualità di direttore editoriale in Lattes Editori che, con oltre 40 titoli per la scuola secondaria di primo grado e 20 per la secondaria di secondo grado, in versione cartacea e digitale, offre una proposta editoriale attenta alle più diversificate esigenze della scuola e delle famiglieTartaglino è presidente del Gruppo Educativo di AIE dal 2021 e da qualche anno fa parte anche del Gruppo Tecnico Cultura di Confindustria.

Come rappresentante degli editori scolastici, nell'intervista ci parla del tema molto attenzionato del diritto allo studio. «
Attualmente, in Italia le famiglie in povertà assoluta sono 1 milione e 900 mila e le famiglie in povertà relativa sono 2 milioni e 900 mila: sono numeri molto alti. Lo Stato mette a disposizione per queste famiglie un fondo di 133 milioni, ma è importante che il fondo venga aumentato» spiega Tartaglino. «Oggi, per coprire le esigenze della sola povertà assoluta sono necessari 170 milioni, ciò significa che il fondo dev'essere aumentato di 40 milioni. Ma soprattutto, dev'essere messo a disposizione in modo fruibile e rapido, così che le famiglie possano realmente utilizzarlo per l’acquisto dei testi scolastici, che spesso sono gli unici testi che entrano nelle case italiane» aggiunge. «Inoltre, chiediamo anche che sia messo a disposizione per tutte le famiglie la possibilità di detrarre fiscalmente il costo per l’acquisto dei libri scolastici così come accade per i farmaci, per le palestre o per le spese veterinarie».

Un'ulteriore questione molto sentita nel mondo dell'editoria scolastica è quella che riguarda il digitale«Fin dal 2013, quando è diventato obbligatorio mettere a disposizione una versione digitale del libro, gli editori hanno fatto ben di più di quello che la legge chiedeva, operando e lavorando su piattaforme e mettendo a disposizione con l’acquisto del libro, gratuitamente, contenuti digitali integrativi. Con la pandemia, l’attenzione al digitale e l’utilizzo di questi contenuti nella didattica è aumentato, sia da parte degli studenti che degli insegnanti, anche se il libro scolastico è rimasto un punto di riferimento per l’apprendimento» dichiara Tartaglino. 
«Tutto questo, però, necessita di formazione – che, in quel periodo, è stata fatta dagli stessi editori scolastici – e anche di strutture. Sappiamo che il PNRR sta mettendo a disposizione delle scuole dei fondi che sicuramente copriranno i costi per un adeguamento delle strutture, delle reti, e anche probabilmente della formazione. Pertanto pensiamo che tutto questo possa essere in qualche modo consolidato» aggiunge.

«Ricordiamoci, però, che il digitale è assolutamente complementare al libro di testo, ma non lo sostituisce. Stiamo vedendo dalle notizie che arrivano dal Nord Europa, in particolare dalla Svezia, come ci sia una forte tendenza al tornare non solo sul libro cartaceo, ma anche allo scrivere. Si sta tornando a elementi di manualità, alla lettura sul cartaceo, che indubbiamente sembrano dare risultati positivi per quanto riguarda l’apprendimento delle ragazze e dei ragazzi» conclude il presidente del Gruppo Educativo AIE.

 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.