Il tuo browser non supporta JavaScript!
Fiere e saloni

Un percorso tra gli eventi dell'ultimo giorno di Più libri

di Antonio Lolli notizia del 7 dicembre 2019

Attenzione, controllare i dati.

Tanta Europa e tanto Mediterraneo nella giornata conclusiva di Più libri più liberi. Il tema che ha rappresentato il filo conduttore degli eventi della diciottesima edizione della fiera emerge con tutta la sua forza anche negli appuntamenti di domenica 8 dicembre. Dalla Germania alla Grecia fino al Medio Oriente: voci che raccontano il dramma delle migrazioni e alcuni dei più importanti eventi che hanno caratterizzato la storia recente del nostro Continente, superando anche i confini europei per parlare, tra gli altri temi, della resistenza curda.

Nell’anno in cui si festeggia il trentesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino, l’editorialista ed ex direttore di «la Repubblica» Ezio Mauro racconterà, insieme al giornalista Wlodek Goldkorngli eventi cruciali che nel 1989 portarono alla dissoluzione del blocco orientale e alla nascita dell’Europa così come la conosciamo oggi. L’incontro, dal titolo Quando l’Europa erano due, sarà alle ore 17.45 in Sala La Nuvola ed è realizzato a cura di «la Repubblica».

Migranti e Europa saranno al centro dell’incontro Mediterraneo, Italia. Leggi, testimonianze e documenti dalle due sponde del Mediterraneo centrale alle ore 18.30, Sala Luna) con Francesca Mannocchi, autrice di importanti reportage sul tema delle migrazioni e dei conflitti mediorientali, e due dei più importanti giornalisti che hanno firmato inchieste sul tema: Nello Scavo di «Avvenire» – autore dello scoop sui rapporti tra l’Italia e i trafficanti libici, per questo sotto scorta – e Annalisa Camilli di «Internazionale».

A parlare dell’ondata di oscurantismo in Europa e dei collegamenti tra la strategia della tensione italiana e il regime greco nell’Europa degli anni Sessanta e Settanta sarà in fiera Dimitri Deliolanes, protagonista dell’incontro Com’è nera l’Europa, alle ore 17.00 in Arena Robinson.

A cura dell'Istituto italiano di cultura di Madrid e del Forum del Libro/Italia Spagna è stato realizzato l'incontro Scrivere e pubblicare tra Italia e Spagna, in cui alcuni esperti del mondo editoriale si confronteranno con due autrici e le loro traduttrici sulla situazione editoriale nei due paesi. L'evento si svolgerà dalle ore 11.30 in Sala Venere e vedrà la partecipazione di Brenda Navarro, Eva Baltasar, Maurizio Caminito, Maria Teresa Carbone e Laura Pugno.

Alle ore 10.30 in Sala Nettuno l’appuntamento è con la presentazione – in collaborazione con Oxfam Italia – di Qui da noi non c’è posto, un libro dedicato ai ragazzi in cui è racchiuso un racconto pieno di speranza di due fratelli che fuggono dal proprio Paese in guerra. Interverranno Ezio Quarantelli, Chiara Romagno, program officer del programma Open Europe di sostegno ai migranti a Ventimiglia e in Sicilia, e Federica Cicala, senior education officer di Oxfam Italia.

Zerocalcare e Ylmaz Orkan dell’Ufficio informazione del Kurdistan in Italia, saranno infine i protagonisti – insieme a Valerio Mastrandrea e Marco Damilano – di un importante incontro dedicato alla resistenza curda, tema da sempre affrontato dal fumettista a cui ha dedicato anche uno dei suoi più famosi libri (ore 18.30, Caffè Letterario RAI).

Foto di sfondo: ©Musacchio, Ianniello & Pasqualini 

L'autore: Antonio Lolli

Redattore scientifico iscritto all'ordine degli ingegneri della provincia di Modena. Dopo la laurea in Ingegneria e l’esperienza di ricerca in ambito accademico svolta presso l’Università di Bologna, ho frequentato il master in editoria dell'Università Cattolica di Milano e ho lavorato diversi anni alla redazione del Giornale della libreria. Seguo il mondo editoriale nelle sue diverse sfaccettature, con particolare interesse per il confronto tra le realtà dei diversi Paesi del mondo e per le ultime novità dal punto di vista produttivo e tecnologico.

Guarda tutti gli articoli scritti da Antonio Lolli

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.