Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

Allarme Italia: niente innovazione niente crescita

di E. Vergine notizia del 13 febbraio 2012

Attenzione, controllare i dati.

Se tutta l’Europa è in crisi, il rapporto Ius presentato negli scorsi giorni a Bruxelles getta un ombra piuttosto negativa sulla crescita del nostro Paese. Unici stati in controtendenza sono ovviamente Svezia, Danimarca, Finlandia e Svizzera.
Il rapporto Ius divide i Paesi membri dell’unione in quattro gruppi: leader d’innovazione, inseguitori, innovatori moderati, modesti. L’Italia si colloca nel penultimo gruppo – insieme a Spagna e Grecia – e per giunta al sedicesimo posto.
Tra gli innumerevoli indicatori che sono stati monitorati per la compilazione dell’indagine c’erano l’istruzione nazionale, la qualità del sistema di ricerca e il livello dei finanziamenti. Nel nostro Paese le persone tra i 25 e i 34 anni in possesso di un dottorato arrivano a un tasso di 1,6 ogni mille persone (la media europea è di 1,5) con scarse differenziazioni tra uomini e donne. E fin qui tutto bene. I problemi nascono quando si va a indagare sulla fascia d’età più alta (30-34 anni): i laureati italiani sono meno del 20% contro il 40% di Inghilterra, Francia e Spagna. Ovunque, eccetto in Germania, la percentuale delle donne laureate supera quella degli uomini. Per quanto riguarda la capacità dell’Italia di farsi meta di studio per gli stranieri i dati parlano chiaro: la percentuale di studenti provenienti dall’estero ad essersi trasferiti nel nostro Paese per ottenere un dottorato è del 5%, la media europea è del 20%.
Come rilevato anche sul Gdl (Laura Novati, La scienza si fa festival, «Giornale della Libreria», 2, febbraio, 2012, pp. 28-29) è desolante il numero di pubblicazioni italiane citate al mondo: nello specifico in Italia le collaborazioni accademiche tra imprese e istituzioni portano a meno di 25 (la media europea è di 40) pubblicazioni scientifiche ogni milione di abitanti.
Questo per non parlare degli investimenti pubblici in ricerca e sviluppo che sono fermi allo 0,6% del Pil contro lo 0,75% europeo.
Che Italia emerge da questi dati? Il nostro sarebbe un Paese la cui crescita è lenta e debole, al di sotto della media europea che di per sé non è alta. Un Paese che non ha creduto finora nella ricerca, nei giovani, e che non è in grado di collaborare. Il governo Monti ha comunque stabilito specifici piani di crescita per invertire le tendenze emerse nel rapporto Ius 2011.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.