Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Curiosità

Rapporto cinema 2018. Anziani in sala, giovani su Netflix

di Alessandra Rotondo notizia del 30 maggio 2018

Il futuro del cinema sono gli anziani, i giovani amano i film ma vanno poco nelle sale. È questo, in estrema sintesi, il quadro che emerge dal Rapporto cinema 2018. Spettatori, scenari e strumenti della Fondazione ente dello spettacolo, presentato pochi giorni fa a Roma presso la sede di Radio vaticana.

Lo studio annuale, arrivato alla sua nona edizione, propone un’analisi delle dinamiche dell’industria e del mercato dell’audiovisivo, non mancando di soffermarsi sulle trasformazioni normative in atto e sugli scenari di sviluppo globale dell’intero settore. Ma ciò che distingue il Rapporto 2018 dai precedenti è in particolare un approfondimento sui trend di consumo a partire dalle due classi anagrafiche più rappresentative del pubblico: gli over 60 e i Millennial.

A curare la ricerca sul pubblico agée è stata Mariagrazia Fanchi, docente di Media studies e cultural history all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Uno dei dati presentati, in particolare, dice che dal 2001 al 2016 è cresciuto dell’11,5% il numero degli italiani di età compresa tra i 65 e i 75 anni che va al cinema. Un trend legato, come ha precisato la stessa professoressa Fanchi «tanto a un cambiamento di costume, perché gli anziani sono soggetti di un processo di giovanilizzazione che è stato molto studiato, sono molto più attivi, molto più confidenti in sé stessi e nella capacità di riprogettare il proprio presente; quanto a un cambiamento demografico, per  l’allungamento dell’aspettativa di vita e quindi la crescita numerica di questo segmento».

La ricerca (che ha utilizzato cinque focus group per un totale di 50 interviste realizzate in diverse aree geografiche) distingue I «cinefili non più giovanissimi» in diversi profili: le «nuovamente single» (signore che dopo aver perso il marito riscoprono il piacere di uscire con le amiche e del cinema); «i nonni», che portano in sala i nipotini; «quelli del Bar Sport», soprattutto uomini, che vivono i luoghi d'aggregazione nel quartiere di riferimento; «gli eremiti», anche questi soprattutto uomini, che vogliono scegliere cosa vedere autonomamente e preferiscono andare al cinema da soli; «l'élite», con un'elevata predisposizione per i consumi mediali e culturali e «i coniugi propositivi» che vivono il consumo culturale come risorsa per alimentare la propria vita di coppia. Nel complesso prediligono i film italiani, magari attirati dalla presenza di attori (anche nuovi) che hanno conosciuto sul piccolo schermo. E non sono necessariamente alla ricerca di una storia nella quale immedesimarsi, infatti non privilegiano le pellicole con personaggi loro coetanei.



Anche i Millennial (i giovani nati tra i primi anni Ottanta e il 2000, ma la ricerca si concentra su quelli che attualmente hanno tra i 20 e i 34 anni) amano i film, tanto che il 49,3% ne vede più di uno a settimana. Ma privilegiano nettamente la visione (legale o illegale che sia) su piattaforme e device mobili (o quantomeno domestici) rispetto al grande schermo. Infatti, 84,1% dichiara di andare in sala solo una volta al mese (under 25 e laureati figurano come spettatori un po' più assidui).

Questa parte dell’indagine – curata dall’Osservatorio giovani dell’Istituto Toniolo – è stata condotta su un campione di 2.045 giovani (20-24 anni) e giovani adulti (25-34 anni) e indaga anche le ragioni che li tengono lontani dalle sale. In cima alla lista compare il costo del biglietto: il 46,4% dichiara, infatti, che andrebbe più spesso al cinema se costasse di meno e se esistessero agevolazioni per la fascia d’età cui appartiene (16,6%). In materia di generi preferiti dominano il thriller (per i maschi) e le commedie (per le femmine), da vedere rigorosamente al multiplex. È il 66,3% dei Millennial a preferire il plurisala al cinemino indipendente: perché più ricco di offerta e di servizi, certo, ma anche perché meglio capace di integrare l’esperienza ludico-sociale dell’«andare al cinema» con altre formule di attività e d’intrattenimento.

Nota positiva: nonostante i loro interessi convergano altrove, i giovani non credono che le sale cinematografiche siano destinate alla sparizione. Più della metà di loro (53%) le immagina anche nel panorama – sempre più tecnologico e tailor made  dell’intrattenimento futuro.

L'autore: Alessandra Rotondo

Dal 2010 mi occupo della creazione di contenuti digitali, dal 2015 lo faccio in AIE dove oggi coordino il Giornale della libreria, testata web e periodico in carta. Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Unimi, AIE e Fondazione Mondadori. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: editoria, libri, podcast, narrazioni su più piattaforme e cultura digitale. La mia cosa preferita è il mare.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.