Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Librerie

Lulu, consigli per aspiranti selfpublishers...ma l'editoria è un altra cosa

di E. Refraschini notizia del 3 luglio 2012

Lulu, la piattaforma di selfpublishing e selfprinting canadese, ha annunciato la nascita di Lulu.com Publishing Advisor, uno strumento gratuito progettato per dare consigli personalizzati ad autori di ogni livello sulla propria pubblicazione. Mediante cinque domande riguardanti il proprio libro, l'aspirante autore dovrebbe essere in grado di ricevere suggerimenti riguardanti l'intero processo editoriale, partendo dall'idea iniziale, passando dall'editing, il marketing e arrivando persino alla distribuzione. L'obiettivo è quello di sviluppare alcuni servizi all'interno dell'azienda canadese, che dal 2002 opera nel campo del selfpublishing.
Ma come funziona esattamente il Publishing Advisor? All'inizio, ci viene chiesto da che punto partiamo con il nostro libro: «ho una buona idea», «ho iniziato a scrivere, ma ho bisogno di consigli», «ho quasi finito il mio libro e sto cercando un editore», «la mia prima bozza è ultimata, quindi ho bisogno di un editore ora», «il mio libro è stato già sottoposto ad editing, voglio vedere cosa lulu.com può offrirmi». Se si clicca l'ultima opzione, un'altra pagina ci chiede di nuovo che tipo di editing vorremmo per il nostro libro, «perché, sapete, noi offriamo questo servizio». Affermando di aver già ottenuto un editing professionale, si inizia allora con le opzioni di marketing e di distribuzione. Alla fine di questo processo, ci viene richiesto il nostro indirizzo mail a cui verranno spediti i consigli personalizzati. Questi, poi, sono affiancati da link che portano ai vari servizi dell'azienda. Ogni possibile percorso, insomma, porta alla stessa linea d'arrivo: «compra i nostri servizi».
In sostanza, Publishing Advisor sembra essere né più né meno di uno strumento di marketing per Lulu, che punta ad ottenere nuovi indirizzi mail e nuovi potenziali clienti per i propri servizi. D'altra parte, può anche essere un buon primo contatto con il mondo editoriale da parte dello scrittore inesperto che non sa come orientarsi; «primo» perché elementare, essenziale, esemplificativo e certamente non originale.
Ci vorrà qualche tempo per vedere se i futuri autori che renderanno il proprio lavoro disponibile su Lulu saranno soddisfatti da questo «dispensatore automatico di buoni consigli»: quel che è certo è che esiste un forte bisogno di conoscenza da parte degli aspiranti autori sul processo editoriale, cosa stanno facendo gli editori tradizionali per intercettarlo?

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.