Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Librerie

Le librerie a Natale? Sono pop-up

di E. Molinari notizia del 14 novembre 2011

È risaputo che nel periodo natalizio la vendite in libreria raggiungano le vette più alte di tutto l’anno. Perché allora non aprirne alcune che stiano aperte solo nel periodo antecedente le feste? A pensarci l’editore neozelandese PQ Blackwell, specializzato in libri d’arte e di fotografia, che ha aperto a New York due punti vendita temporanei, con data di chiusura già fissata: 30 dicembre.
Dopo l’esperimento dell’anno scorso nel Financial District, quest’anno ci riprova con ben due Love and care (questo il nome scelto per i locali), in zone centrali della città. Per ampliare il catalogo sono stati aggiunti libri di interior design, moda, viaggi, musica e natura, anche delle case editrici americane Chronicle Books e Abrams. Love and Care offre anche pacchetti regalo gratuiti e consegna a domicilio in giornata nella zona di Manhattan per ordini superiori a 100 dollari.
E in Italia? Il fenomeno delle librerie a tempo non è nuovo nemmeno da noi anche se ancora poco sfruttato nelle sue potenzialità. Tra gli esempi recenti si annoveranoil temporary store aperto a Roma da Tunuè nel luglio scorso e, a Milano, la libreria 121 di Corraini, aperta appunto, per 121 giorni nel 2010 e riconvertita nel 2011 in versione ex-temporanea 121+.
Attenzione però a regalare il libro giusto alla persona giusta: è nato The books they gave me, il sito che raccoglie aneddoti e racconti sui libri regalati a (s)proposito. Un libro è per sempre, una libreria no.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.