Il tuo browser non supporta JavaScript!
Curiosità

Usa, rivolta contro Penguin Random House: «Non pubblichi il libro di Amy Coney Barrett»

di Redazione notizia del 17 novembre 2022

Attenzione, controllare i dati.

Negli Stati Uniti oltre 250 personalità del mondo letterario hanno firmato una lettera aperta per protestare contro la decisione da parte di Penguin Random House di pubblicare un libro della giudice conservatrice della Corte Suprema Amy Coney Barrett. L'accordo per il libro di Barrett, nominata dall'allora presidente statunitense Donald Trump in sostituzione di Ruth Bader Ginsburg e favorevole alla bocciatura del diritto di aborto negli Usa, è stato chiuso per un valore di 2 milioni di dollari.

Secondo i firmatari della lettera aperta, «è imperativo che gli editori sostengano il loro impegno per la libertà di parola». Ma, si legge, «riconosciamo che il danno alla democrazia non si presenta solo sotto forma di censura, ma anche sotto forma di attacco ai diritti umani inalienabili. Per questo chiediamo alla Penguin Random House di riconoscere la sua storia e i suoi impegni in materia di responsabilità d'impresa, riconsiderando la sua decisione di procedere con la pubblicazione del prossimo libro del giudice della Corte Suprema Amy Coney Barrett». La lettera sostiene poi che i giudici della Corte Suprema hanno «smantellato le protezioni per i diritti umani alla privacy, all'autodeterminazione e all'autonomia corporea insieme al diritto federale all'aborto negli Stati Uniti».

«Le organizzazioni internazionali per i diritti umani riconoscono ampiamente l'accesso all'aborto come un diritto umano fondamentale e hanno condannato la decisione della Corte Suprema», prosegue il testo della lettera. Secondo quanto riferito, il libro di Barrett prenderà in considerazione «il modo in cui i giudici non dovrebbero lasciare che i loro sentimenti personali influenzino le loro decisioni». Barrett è un membro di People of Praise, un gruppo cattolico segreto. La lettera aperta la accusa di «imporre la propria agenda religiosa e morale a tutti gli americani, appropriandosi della retorica dell'imparzialità, e la Penguin Random House ha accettato di pagarle una somma di 2 milioni di dollari per farlo».

I firmatari aggiungono: «Molti di noi lavorano quotidianamente con libri che trovano sgradevoli per la loro politica personale. Questo, però, è un caso in cui una società ha finanziato privatamente la distruzione dei diritti umani con profitti osceni». E ancora:«Barrett è libera di dire ciò che vuole, ma la Penguin Random House deve decidere se finanziare la sua posizione a spese dei diritti umani per gonfiare i suoi profitti, o se sostenere veramente i valori che afferma con orgoglio di possedere. Noi non possiamo stare a guardare mentre la nostra industria abusa della libertà di parola per distruggere i nostri diritti». Un portavoce ha dichiarato a Publishers Weekly che si spera che «la lettera incoraggi altri nel settore a parlare». Penguin Random House non ha rilasciato commenti.

Il testo integrale della lettera

Come membri della comunità di scrittori, editori e letterati degli Stati Uniti, abbiamo a cuore la libertà di parola. Crediamo anche che sia imperativo che gli editori sostengano il loro impegno per la libertà di parola con un dovere di diligenza.

Riconosciamo che il danno alla democrazia non si manifesta solo con la censura, ma anche con l'attacco ai diritti umani inalienabili. Pertanto, chiediamo alla Penguin Random House di riconoscere la propria storia e i propri impegni di responsabilità aziendale, rivalutando la decisione di procedere con la pubblicazione del prossimo libro del giudice della Corte Suprema Amy Coney Barrett.

Il 24 giugno 2022, Coney Barrett si è unita ai giudici Alito, Roberts, Kavanaugh, Thomas e Gorsuch nel rovesciare la storica sentenza Roe v. Wade, smantellando le protezioni per i diritti umani alla privacy, all'autodeterminazione e all'autonomia corporea insieme al diritto federale all'aborto negli Stati Uniti. Le organizzazioni internazionali per i diritti umani riconoscono ampiamente l'accesso all'aborto come un diritto umano fondamentale e hanno condannato la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti. In effetti, Human Rights Watch, fondata dal secondo editore di Random House, Robert L. Bernstein, che teneva le prime riunioni negli uffici di Random House, osserva che «i diritti umani su cui si fonda il diritto all'accesso all'aborto sono enunciati nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani [delle Nazioni Unite]», un documento che la casa madre Bertelsmann si impegna a rispettare nella sezione 2.2.1 del suo Codice di Condotta.

La sentenza Dobbs v. Jackson Women's Health, che ha ribaltato la Roe, si è basata proprio su ciò che il libro di Coney Barrett riferisce: il ruolo della magistratura e «il fatto che i giudici non debbano far confluire i loro sentimenti personali nelle loro decisioni». Eppure, sembra che questo sia esattamente ciò che Coney Barrett ha fatto, infliggendo la propria agenda religiosa e morale a tutti gli americani e appropriandosi della retorica dell'imparzialità, e la Penguin Random House ha accettato di pagarle una somma di 2 milioni di dollari per farlo.

Pertanto, riteniamo che la pubblicazione del libro di Coney Barrett ponga Bertelsmann e Penguin Random House in diretto contrasto con il proprio Codice di Condotta e in violazione dei diritti umani internazionali.

Non si tratta solo di un libro con cui non siamo d'accordo, e non chiediamo la censura. Si tratta piuttosto di un caso in cui una società ha finanziato privatamente la distruzione dei diritti umani con profitti osceni. Coney Barrett è libera di dire quello che vuole, ma Penguin Random House deve decidere se finanziare la sua posizione a spese dei diritti umani per gonfiare i suoi profitti, o se sostenere veramente i valori che orgogliosamente dichiara di avere.

I sottoscritti hanno deciso di attenersi al proprio dovere di assistenza e di sostenere la libertà di parola. Non possiamo restare inerti mentre la nostra industria abusa della libertà di parola per distruggere i nostri diritti.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.