Il tuo browser non supporta JavaScript!
Fiere e saloni

«Cuori selvaggi» a Torino: torna a maggio il Salone del libro per la sua 34esima edizione

di Redazione notizia del 9 marzo 2022

Attenzione, controllare i dati.

Cuori selvaggi è il tema della 34esima edizione del Salone internazionale del libro di Torino, presentata martedì 8 marzo presso il Teatro Astra.

Silvio Viale (presidente dell'Associazione Torino, la Città del Libro), Giulio Biino (presidente della Fondazione Circolo dei lettori) e Nicola Lagioia (direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino) hanno presentato i temi di un Salone che torna nel consueto periodo primaverile, dal 19 al 23 maggio, a soli 7 mesi dall’edizione straordinaria dello scorso autunno quando, nonostante le incertezze sanitarie, i visitatori erano stati 150 mila.

«Viviamo in un mondo inquieto, turbolento, pieno di enormi problemi ma di altrettanta speranza nel futuro», così si legge nel comunicato stampa del Salone. «Torino sarà a maggio uno dei più importanti luoghi di ragionamento e di incontro per chiunque crede che a dischiudersi, nei nostri cuori, possa e debba essere la parte luminosa».

Il manifesto dell'edizione 2022 è stato affidato a Emilano Ponzi, autore e illustratore pluripremiato, e spinge i lettori a volgere lo sguardo verso l’orizzonte: «Crediamo ci sia bisogno di slanci in avanti, di pensieri audaci, nel nome della pace e dell'amicizia tra i popoli, del confronto costruttivo tra culture e generazioni, perché un mondo messo in difficoltà da due anni di pandemia, e minacciato adesso da odi e tensioni internazionali, possa risollevarsi e affrontare le sfide del futuro» ha spiegato Nicola Lagioia, Direttore editoriale del Salone internazionale del libro di Torino. «Mai come quest'anno il Salone del libro sarà il luogo dell'amicizia, della festa, del confronto pacifico tra idee e culture, e mai come quest'anno la città di Torino sarà il simbolo di come la cultura e l'espressione artistica possano insieme provare a immaginare, per il mondo, grandi idee e buone pratiche». 

Anche il Salone del libro condanna l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e osserva con estrema preoccupazione lo svolgimento della guerra in atto. A sostegno del popolo ucraino, infatti, verrà allestita al Lingotto, la Casa della Pace, in cui oltre a essere ospitate e supportate le tante iniziative umanitarie attivate pro Ucraina, verranno organizzati incontri pubblici sul tema della pace e del dialogo tra culture. 

Come da consuetudine quest’anno al Salone saranno invitati importanti autrici e autori italiani e internazionali, che, insieme con gli editori (quest'anno sono 27 quelli iscritti per la prima la volta), avranno ampio spazio a disposizione: il Salone occupa una superficie di oltre 110mila mq tra interno ed esterno. Una nuova area all'aperto, più ampia, andrà ad aggiungersi agli storici padiglioni 1, 2, 3, l’Oval e il Centro Congressi.

Tra gli altri – il programma completo sarà diffuso ad aprile – parteciperanno Jokha al-Harthi per presentare, dall'Oman, Corpi Celesti, libro vincitore del prestigioso Man Booker International Prize nel 2019 e pubblicato in Italia da Bompiani lo scorso gennaio con la traduzione di Giacomo Longhi; lo scrittore svizzero Joël Dicker, in Italia per presentare in anteprima al Salone del libro il suo nuovo romanzo Il caso Alaska Sanders, in uscita per La nave di Teseo il 26 maggio, nella traduzione di Milena Zemira Ciccimarra; Jennifer Egan con l'attesissima ultima opera in uscita a maggio per Mondadori dal titolo La casa di marzapane tradotta da Gianni Pannofino; il regista, autore e produttore Werner Herzog, istituzione della cinematografia tedesca, con Il crepuscolo del mondo, edito da Feltrinelli lo scorso ottobre e tradotto da Nicoletta Giacon; il campione olimpico Marcell Jacobs con l'autobiografia Flash. La mia storiain uscita per Piemme edizioni il 17 maggio, appena prima dell’inaugurazione del Salone; il famoso romanziere americano Joe R. Lansdale, con il nuovo Moon Lake, edito da Einaudi stile libero con la traduzione di Luca Briasco. 

Una delle novità più importanti di questa edizione, soprattutto per i più giovani, sarà la presenza di una biblioteca scolastica, grazie alla collaborazione con il Ministero dell’istruzione - Cabina di regia del piano nazionale d’azione per la promozione della lettura e le 18 scuole polo regionali. La biblioteca comprenderà uno spazio incontri, un’area laboratorio, un’area studio e consultazione con postazioni multimediali e sarà in grado di accogliere al suo interno le attività per le scuole, i docenti e i bibliotecari in visita al Salone. All’interno un ricco programma con attività per docenti, inclusi workshop riservati ai referenti delle scuole polo regionali che prevedono momenti laboratoriali, di confronto e tavoli di lavoro. 

In linea con le tendenze editoriali attuali e in continuità con la volontà del Salone di costruire nel primo padiglione del Lingotto un’area dedicata alle multi-narrazioni, sarà prevista, inoltre, un'area fumetti. La Sala del fumetto ospiterà eventi, presentazioni, reading, dimostrazioni e sessioni di disegno dal vivo. Appuntamenti che daranno spazio ai contenuti di quegli editori che attraverso il gioco, l’illustrazione, lo storytelling, l’arte, il mondo fantasy e i podcast hanno deciso di percorrere nuove strade per raccontare storie.

Anche quest’anno, tra le collaborazioni che contribuiscono ad arricchire il programma del Salone del libro quella con l'Associazione Italiana Editori che prevede un calendario di incontri e appuntamenti dedicati all'andamento del mercato editoriale e non solo. 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.