Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

Il Castoro in libreria a sostegno dell’inclusione dei bambini ucraini: il ricavato andrà a Refugees Welcome Italia

di Redazione notizia del 21 aprile 2022

Attenzione, controllare i dati.

Il 28 aprile un albo illustrato in edizione bilingue italiano-ucraino uscirà nelle librerie per favorire l’integrazione e lo scambio tra i bambini italiani e ucraini. È la nuova iniziativa firmata da Il Castoro che devolverà il ricavato della vendita a Refugees Welcome Italia, l’associazione nata nel 2015 che promuove l’ospitalità e l’inclusione dei rifugiati presso le famiglie italiane.  

Dopo La luna di Kiev, pubblicato da Einaudi Ragazzi, Il custode del bosco di Oleksij Cherepanov è il libro che la casa editrice di Renata Gorgani ha acquisito dal catalogo dell’editore ucraino Ranok, di Kharkiv, che negli anni ha tradotto nel Paese molti libri rilevanti del catalogo de Il Castoro – tra cui tra cui Nebbia di Marta Palazzesi, Premio Strega Ragazze e Ragazzi – pubblicandolo in Italia in doppia lingua per favorire l’incontro tra i bambini di due lingue e alfabeti differenti.   

«Di fronte alla tragicità di quanto sta accadendo, abbiamo deciso di attivarci attraverso quello che ci rappresenta di più, ovvero il nostro lavoro di editore e le storie per bambini, dando vita a un progetto di solidarietà che ci auguriamo possa unire le persone, creando reti di sostegno e di relazioni, nonché linguistiche» si legge nel comunicato. 

Il libro, una storia che insegna a guardare e scoprire la bellezza della terra e della natura di cui tutti siamo parte, sarà distribuito a livello nazionale in tutte le librerie e store online al costo di 10 euro. L’intero ricavato della vendita del libro sarà devoluto a Refugees Welcome Italia, per sostenere il lavoro di accoglienza dei rifugiati nelle famiglie. 

«Ci auguriamo che questo piccolo libro possa essere  uno strumento utile per tessere relazioni nelle scuole o nelle caseche accolgono famiglie in fuga dalla guerra.  O semplicemente un modo per essere vicini a un paese di cui sentiamo le terribili notizie ogni giorno». 

Già all’indomani dell’invasione il mondo del libro si mobilitava a sostegno dell’Ucraina e anche AIE, che fin dai primi giorni del conflitto ha voluto far sentire la sua voce nella condanna dell’accaduto, continua a dimostrare la vicinanza alla popolazione in fuga dalla guerra, ai più giovani, in particolare, oggi rifugiati in Europa.   

Sostenendo la campagna di raccolta fondi dell’Ukranian Book Institute, supportata dalle Federazione Europea degli Editori (FEP), l’Associazione si impegna a coinvolgere il maggior numero di editori e cittadini e a ribadire la centralità del libro e il suo valore sociale.  

Con i soldi raccolti vengono stampati in Europa i libri che verranno consegnati alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ragazzi che hanno trovato riparo dalla guerra nei diversi Paesi. I primi 5mila euro raccolti hanno permesso di mandare in stampa 6mila copie di sei titoli che verranno distribuiti in Polonia. Presto saranno chiusi analoghi accordi per nuovi titoli che verranno distribuiti in Italia, Germania, Repubbliche Baltiche e Paesi Bassi.  
 
Qui il link per le donazioni. 


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.