Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Librerie

Nascono i Digital Dossier del «Giornale della libreria», uno strumento al servizio dei librai

di G. Pepi notizia del 9 luglio 2014

In libreria arrivano ogni mese tra le 4.500 e le 7.000 novità: per aiutare i librai a orientarsi nel mare magnum delle nuove uscite, riedizioni e ristampe - 64mila titoli nel 2013 (Fonte IE-Informazioni editoriali) - nascono i Digital Dossier, uno strumento veloce e sintetico per garantire alle librerie rapido accesso alle ultime novità disponibili nei diversi settori. I Digital Dossier sono ideati dal «Giornale della libreria», mensile dell’Associazione italiana editori, in collaborazione con l’Associazione librai italiani, ArgentovivoFastbook e IE- Informazioni editoriali.
«Il Digital Dossier, liberamente scaricabile sul sito www.gdldigitaldossier.it, nasce per informare i librai e allo stesso tempo offrire agli editori, anche piccoli, la possibilità di presentare le novità anche alle librerie non raggiunte dalla rete vendita o rafforzarne l’efficacia in quelle già visitate» spiega Alfieri Lorenzon, direttore dell’Associazione italiana editori e del «Giornale della libreria».
Approfondimenti puntuali su settori specifici di mercato, i Digital Dossier contengono le classifiche di vendita di IE-Informazioni editoriali, interviste a editori e librerie specializzate e soprattutto le schede bibliografiche delle ultime 100 novità pubblicate e ordinabili direttamente dal Digital Dossier grazie ad un link diretto al sito di Fastbook, leader in Italia nella vendita all'ingrosso.
Non è un caso che i Digital Dossier nascano in un momento in cui da diverse parti ci si interroga sul futuro della libreria e dei suoi format. «L’Associazione italiana librai supporta attivamente questa nuova iniziativa proposta dal «Giornale della libreria» – commenta Alberto Galla, Presidente Associazione librai italiani – perché, in un momento di profonda riorganizzazione delle librerie italiane, i Digital Dossier si propongono come uno strumento pratico e concreto per aiutare i librai nel loro lavoro di costruzione dell'assortimento e della proposta della libreria. In più, grazie al fatto che tutti i numeri saranno sempre disponibili sul sito, i colleghi librai avranno a disposizione un archivio che, man mano che andrà costituendosi, resterà come prezioso strumento di lavoro».
Accanto alle librerie, altro interlocutore di riferimento per i Digital Dossier è rappresentato dalla distribuzione alternativa. «Fastbook vuole essere di riferimento anche per gli esercizi non specializzati nella vendita del libro. Non solo librerie, dunque, ma anche negozi di giocattoli e di articoli sportivi, profumerie, farmacie, musei e chiese, negozi di souvenir, bar e ristoranti, agriturismo e, più in generale, negozi multi-prodotto – conferma Fiorenzo Rossetto, ex direttore generale ed attuale consulente di direzione in Fastbook –. Salutiamo quindi con grande piacere la nascita dei Digital Dossier: uno strumento semplice ed efficace che, grazie alle informazioni che fornisce, aiuta a costruire in settori d’interesse specifico assortimenti vivaci e innovativi».
«L’aggiornamento puntuale e tempestivo sulle novità editoriali è un elemento chiave per il successo di una libreria, non a caso IE impegna molte risorse per fornire ai propri utenti queste informazioni tramite il Catalogo dei libri in commercio, il servizio Arianna+ e il portale iBUK – concorda Simonetta Pillon, Ad di IE-Informazioni editoriali –. Fornendo i dati per il Digital Dossier vogliamo contribuire a sensibilizzare i protagonisti della filiera editoriale sull’importanza di metadati bibliografici ricchi e accurati come strumento competitivo per la propria attività e sostenere un’iniziativa che promuove la fruizione digitale dei contenuti».
«Il nostro supporto a questo progetto – precisa Valter Boscarello, responsabile commerciale di Argentovivo – nasce dalla volontà di aiutare gli editori, dai più piccoli ai più grandi, a segnalare alle librerie le novità di maggior rilievo degli ultimi mesi a un costo contenuto, rafforzando così la comunicazione tra questi due importanti protagonisti della filiera editoriale».

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.