Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Innovazione

Da oggi il W3C è un’organizzazione no profit di pubblico interesse. Mussinelli: «Con LIA sosteniamo gli sforzi per un web sempre più accessibile»

di Alessandra Rotondo notizia del 31 gennaio 2023

Nell’ottobre del 1994, cinque anni dopo aver inventato il World Wide Web, Tim Berners-Lee fondava al Massachusetts Institute of Technology il World Wide Web Consortium (W3C). L’evoluzione tecnologica del web era stata infatti così rapida da richiedere subito la creazione di un consorzio unico per coordinarne gli standard.

In questi quasi trent’anni, è sotto la guida di Tim Berners-Lee che la struttura del W3C e i suoi oltre 500 membri si sono mossi, con il supporto del MIT (USA), della Keio University (Giappone), del Consorzio europeo di ricerca in informatica e matematica, con sede in Francia, e – dal 2013 – della Beihang University (Cina).

Da oggi il World Wide Web Consortium diventa un nuovo soggetto giuridico. Un’organizzazione no profit di pubblico interesse nel cui consiglio d’amministrazione Berners-Lee conserva un posto permanente, rinunciando però a un coinvolgimento diretto sulla gestione operativa.

Anche con il cambio di forma giuridica, la missione del World Wide Web Consortium continua però a essere quella di «innalzare il web al suo pieno potenziale», creando standard tecnici e linee guida per garantire che rimanga aperto, accessibile e interoperabile per tutti e in tutto il mondo. D’altronde, HTML e CSS sono le infrastrutture fondamentali su cui si è sviluppata l’architettura digitale di internet e il W3C lavora per garantire che tutte le tecnologie web soddisfino standard crescenti in termini di accessibilità, internazionalizzazione, sicurezza e tutela della privacy. lo fa e continuerà a farlo in maniera aperta e gratuita.

Nulla cambierà inoltre nel collaudato processo di sviluppo degli standard. «I processi del W3C – si legge nel comunicato stampa del consorzio – si basano sul consenso e promuovono il progresso. Il nostro lavoro sugli standard sarà ancora gestito in trasparenza, nel rispetto di quanto previsto dal W3C Process Document (il documento che descrive la struttura organizzativa del W3C e definisce le responsabilità e le funzioni che gli consentono di compiere la sua missione) e dalla Policy royalty-free per le licenze. Le decisioni continueranno ad essere prese a maggioranza: la direzione tecnica continuerà a interpellare i membri del W3C, grandi e piccoli che siano. L’Advisory Board continuerà a guidare il processo di sviluppo del Process Document tenendo conto degli input della comunità. Il Technical Architecture Group continuerà a essere la massima autorità per tutti gli aspetti tecnici».

«Come Fondazione LIA sosteniamo pienamente il W3C e i suoi sforzi per creare un ambiente digitale più aperto, interoperabile e accessibile» ha commentato Cristina Mussinelli, che tra i membri del consorzio siede come co-chair del Publishing Business Group. «La nuova versione delle specifiche di accessibilità degli EPUB è un passo importante anche in previsione dell’entrata in vigore dell’European Accessibility Act. È indispensabile che voci diverse, da diverse parti del mondo, siano rappresentate in questo processo e Fondazione LIA è la dimostrazione che le organizzazioni di ogni dimensione possono contribuire alla causa. L'accessibilità è un tema centrale e in rapida crescita: continueremo quindi a svolgere un ruolo attivo nel W3C per rendere il mondo digitale più accessibile a tutti».

La nuova organizzazione – pur conservando il suo approccio orientato e mosso dalle esigenze dei suoi membri e il raggio d’azione globale proprio del consorzio – consentirà di cercare nuovi partner in tutto il mondo, rispondere in modo più reattivo ai cambiamenti e garantirà sempre una trasparente e corretta gestione delle risorse finanziarie.

Questi i membri del Board della nuova entità recentemente eletti:

  • David Singer, Apple Inc.
  • Robin Berjon, The New York Times
  • Gonzalo Camarillo, ERICSSON
  • Dominique Hazaël-Massieux, W3C
  • Chunming Hu Beihang University
  • Koichi Moriyama, NTT DOCOMO INC.
  • Jun Murai, Keio University
  • Mark Nottingham, Cloudflare
  • Eric Siow, Intel Corporation
  • Léonie Watson, TetraLogical Services Ltd
  • Hongru (Judy) Zhu, Alibaba Group

L'autore: Alessandra Rotondo

Dal 2010 mi occupo della creazione di contenuti digitali, dal 2015 lo faccio in AIE dove oggi coordino il Giornale della libreria, testata web e periodico in carta. Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Unimi, AIE e Fondazione Mondadori. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: editoria, libri, podcast, narrazioni su più piattaforme e cultura digitale. La mia cosa preferita è il mare.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.