Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

La cinquina del Premio Strega 2021, tra cui l'8 luglio verrà scelto il libro vincitore

di Redazione notizia del 11 giugno 2021

Attenzione, controllare i dati.

Dopo la «sestina» della scorsa edizione, sono tornati a essere cinque i finalisti del Premio Strega 2021:  Il libro delle case di Andrea Bajani (Feltrinelli); Il pane perduto di Edith Bruck (Nave di Teseo); L’acqua del lago non è mai dolce di Giulia Caminito (Bompiani); Borgo Sud di Donatella Di Pietrantonio (Einaudi); Due vite di Emanuele Trevi (Neri Pozza).

Con 256 voti, è Trevi il favorito: «Dedico questa cinquina alla memoria di Luigi Spagnol che è stato al mio fianco fino all'ultimo voto nel 2012. Sarebbe contento, oggi ho pensato a lui» ha commentato lo scrittore come riportato da Ansa. In Due vite racconta l'amicizia che lo ha legato a due scrittori scomparsi prematuramente, Rocco Carbone e Pia Pera: «L'unica cosa importante in questo tipo di ritratti scritti è cercare la distanza giusta, che è lo stile dell'unicità» afferma nel libro.

Al secondo posto Edith Bruck, con 221 voti. Sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne Il pane perduto ripercorre la sua vita, dalla deportazione nei campi di concentramento al presente, perché adesso «è ancora più importante ricordare».

Quasi in pari merito (220 voti) la cinquina prosegue con Donatella di Pietrantonio che in Borgo Sud racconta la sorellanza e le conseguenze del disamore riprendendo il filo della storia de L’Arminuta e di Adriana che sono diventate adulte e adesso affrontano prove molto dolorose, ma sanno di poter contare sull'amore incondizionato che le lega.

Al quarto posto si piazza Giulia Caminito con L'acqua del lago non è mai dolce, 215 voti, in cui la giovane scrittrice guarda dentro e fuori di sé per raccontarci in prima persona cosa ha significato il passaggio a questo nuovo secolo per chi oggi ha trent'anni, come lei, nella provincia di Roma, sul lago di Bracciano, dove è nata.

Infine Andrea Bajani, 203 voti, che con Il libro delle case racconta la storia di una persona, un indefinito io, costruita attraverso le case che ha vissuto.

L’annuncio dei finalisti si è tenuto eccezionalmente al Teatro Romano di Benevento, città dell’azienda produttrice di liquore che finanzia e dà il nome al premio. La sede di proclamazione della cinquina è di solito Casa Bellonci, l’appartamento di Roma che apparteneva ai fondatori del premio, Goffredo e Maria Bellonci. Su 660 votanti hanno espresso il loro voto in 600. A presiedere il seggio Sandro Veronesi, vincitore del Premio Strega 2020.

 Il libro vincitore del Premio Strega 2021 sarà proclamato l'8 luglio a Roma, al Ninfeo di Villa Giulia.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento