Il tuo browser non supporta JavaScript!

L’App o il libro della buonanotte. Come cambia la lettura per i più piccoli

Attenzione, controllare i dati.

Domenica 7 dicembre 2014
Più libri più liberi, Fiera nazionale della piccola e media editoria
Palazzo dei Congressi, Roma

L’abitudine alla lettura si crea nella prima infanzia. Eravamo sicuri che veder leggere i genitori, sentirne la voce rappresentasse per i bambini la strada maestra per avere in futuro lettori abituali e forti. Poi è arrivato il digitale e le App. E anche quello che era una settore di eccellenza della piccola editoria ha dovuto confrontarsi con famiglie e genitori dotati di tablet. Bibliotecari e insegnanti devono informarsi e documentarsi anche su prodotti diversi dai libri. Si forma, fin dai primi anni, un diverso modo di interagire con la pagina.

Scaricando il file allegato potrai consultare la presentazione di Silvia Borando (Minibombo)


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento