Il tuo browser non supporta JavaScript!
Librerie

Ripartono le librerie fisiche: così le catene aprono nuovi punti vendita

di Redazione notizia del 26 luglio 2022

Attenzione, controllare i dati.

La rete fisica delle librerie italiane dà segnali di espansione, con le catene impegnate a rinnovare la loro offerta. I dati di vendita mostrano che acquistiamo più libri che nel periodo pre-pandemia, anche se non siamo ai livelli record del 2021.

Nel primo semestre, inoltre, è cambiato anche il modo in cui acquistiamo i libri, con un recupero delle librerie fisiche (più 21 milioni di vendite rispetto al periodo precedente dello stesso anno) a fronte di una flessione dell’online, che perde 43 milioni di venduto.

Con questi numeri, le catene pianificano una espansione della loro rete di punti vendita

Mondadori per esempio ha deciso di aprire altre 13 librerie entro la fine di quest’anno, arrvando così a 25 aperture complessive nell’arco di tutto il 2022, che si andranno aggiungere al suo già nutrito network composto da oltre 500 punti vendita in tutto il Paese.

Saranno tre i nuovi Mondadori Bookstore a gestione diretta che verranno inaugurati nella seconda parte dell’anno, in Lazio, Lombardia e Umbria, e dieci le nuove librerie in franchising in Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Sicilia e Marche.

«Librerie concepite come luoghi di incontro e di scoperta per le comunità locali e di stimolo per i futuri lettori: in quest’ottica, guardiamo con sempre maggiore attenzione alle nuove generazioni, con format dedicati in store e sui canali social, e alla realizzazione di iniziative che coinvolgano il territorio» ha spiegato Carmine Perna, amministratore delegato di Mondadori Retail. 

Nelle librerie Mondadori, infatti, l’offerta rivolta a bambini e ragazzi si rafforza con il nuovo reparto We are junior, un’area ideata per accogliere anche i più piccoli, con libri e giochi didattici per stimolare la fantasia, rivolti alla fascia d’età 0-13 anni.

L’editore cavalca anche l’onda della crescita dei fumetti, che rispetto al periodo pre-pandemico registrano un +245,4%, e introduce come nuovo format anche Just Comics – concepito come una fumetteria nella libreria, dedicato al mondo dei baloon e dei volumi illustrati, dei manga e del graphic novel. 

A inizio anno è stata invece Feltrinelli a far «volare» le sue librerie, inaugurando i nuovi punti vendita negli aeroporti. Prima a Malpensa, con un megastore di oltre 3 mila titoli, una collana dedicata a chi viaggia, uno spazio Kidz per i più piccoli e appositi touch screen per consultare il catalogo instore e online e per ascoltare le video recensioni dei librai laFeltrinelli e i loro consigli di lettura.

Poi, dopo sei mesi, a Linate con un megastore di 300 metri quadrati e una proposta culturale di oltre 10 mila titoli. Anche in questo caso si aggiunge un’area bambini, uno scaffale per libri in lingua straniera e una vasta selezione legata al viaggio.

Nuove aperture che hanno riconfermato l’interesse dell’editore a presidiare il settore travel e turismo, seguendo idealmente gli spostamenti dei lettori. Sono 9, infatti, le librerie Feltrinelli presenti sul territorio nazionale nei luoghi di transito. Dagli aeroporti di Milano e di Olbia ad alcune delle più importanti stazioni, come Milano Garibaldi, Milano Centrale, Napoli Capodichino, Napoli Centrale, Torino Porta Nuova e Firenze Santa Maria Novella.

Anche Giunti si adatta alle tendenze di acquisto, assecondando quelle che durante la pandemia sono diventate le nuove forme di fruizione culturale, e, in collaborazione con la famiglia Germani, che da tre generazioni gestisce il Cinema Odeon di Firenze, da vita a un progetto culturale innovativo: nei locali del cinema aprirà una nuova libreria dell’editore, la cui catena Giunti al Punto conta 248 punti vendita, 40 dei quali aperti negli ultimi due anni nel periodo della pandemia. 

Uno spazio polifunzionale, destinato a diventare, il prossimo autunno-inverno, un centro d’incontro per le arti: alla programmazione cinematografica sarà affiancata una grande libreria, un bar ristorante e sarà sviluppato un fitto programma di eventi e iniziative che spaziano dalle presentazioni di libri alle mostre d’arte, ai concerti e alle rappresentazioni teatrali fino ai laboratori di lettura dedicati ai bambini. Saranno inoltre a disposizione della comunità spazi di studio e lettura con un’attenzione particolare verso i giovani.

A questo si aggiungono le aperture dell’ultimo mese, una a Sciacca e una a Cuneo, che confermano la strategia di Giunti al Punto: con librerie distribuite su tutto il territorio nazionale la catena si pone l’obiettivo di coprire tutti quei luoghi, non solo location di grande affluenza come centri storici, outlet, aeroporti, multisala e centri commerciali, ma anche piccole città, che possano rappresentare centri d’incontrodi cultura e diintrattenimento.

Infine, anche il Libraccio, che a inizio pandemia contava 48 punti vendita, punta a chiudere l’anno con 60. Tra le nuove librerie aperte recentemente una a Roma, nel quartiere Trieste, che prende il posto di un vecchio emporio.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.