Il tuo browser non supporta JavaScript!
Lettura

Torna #ioleggoperché: l'appuntamento per donare un libro alle scuole è dal 5 al 13 novembre 2022

di Redazione notizia del 8 giugno 2022

Attenzione, controllare i dati.

Cresce ancora #ioleggoperché, la grande iniziativa sociale dell’Associazione Italiana Editori – di cui il Giornale della libreria è media partner – che punta a donare libri alle biblioteche scolastiche per rafforzare nella quotidianità dei ragazzi l’abitudine ai libri e alla lettura. E torna per la sua settima edizione, in programma dal 5 al 13 novembre, più grande, grazie a una squadra rafforzata e a nuove sfide.

«#ioleggoperché in sei anni ha portato quasi due milioni di libri nuovi nelle scuole» ha commentato il presidente Ricardo Franco Levi. «Il progetto di AIE cresce ancora, nel 2022, a favore delle biblioteche scolastiche e della crescita dei nostri ragazzi. Vogliamo favorire l’inclusione e la coesione sociale attraverso i libri e la lettura: è con questo spirito che abbiamo impostato #ioleggoperchéLAB, e rafforzato la squadra istituzionale, con l’ingresso del Dipartimento dello sport».

L’iniziativa di AIE è oggi sostenuta dal Ministero della cultura - Direzione generale biblioteche e diritto d’autore, dal Centro per il libro e la lettura, a cui si aggiunge per la prima volta il Dipartimento dello sport della Presidenza del consiglio dei ministri, in collaborazione con il Ministero dell’istruzione e con il sostegno di tutta la filiera del Libro (Associazione librai italiani, Associazione italiana biblioteche e Sindacato italiano librai e cartolibrai).

Un grande lavoro di squadra in continua crescita che, a partire dagli editori e dalle Istituzioni, coinvolge per #ioleggoperché ancora una volta librerie, biblioteche, media, tutte le tv (Rai, Sky, La7, Mediaset TgCom24) e privati cittadini per formare i lettori di domani. Tutti insieme per arricchire il patrimonio di libri delle scuole italiane.

«La settima edizione di #ioleggoperché si arricchisce della partecipazione del mondo sportivo e innova la propria formula attraverso l'introduzione di uno spazio sperimentale, a testimonianza di una intensa vitalità capace di coinvolgere sempre più giovani nella scoperta del libro e della lettura» ha sottolineato il Ministro della cultura, Dario Franceschini.

#ioleggoperchéLAB è infatti la grande novità di questa edizione: una piattaforma nazionale di sperimentazione attiva durante l’intero anno scolastico, in linea con lo spirito dell’iniziativa madre, ma declinabile in progetti diversificati. Un’area sperimentale, messa a disposizione da AIE e aperta alla collaborazione con soggetti diversi, dentro cui sviluppare nuove attività e campagne, iniziative territoriali, progetti pilota mirati a target specifici, con l’obiettivo comune e condiviso dell’educazione e promozione della lettura nelle scuole. Quest’anno ci si concentrerà su due ambiti territoriali: la Calabria e la Lombardia con una sperimentazione sui nidi.

#ioleggoperchéLAB - PROGETTO CALABRIA, in collaborazione con l’Università della Calabria, ha l’obiettivo di sperimentare, nel contesto di #ioleggoperché, che già vede protagonisti scuole, famiglie e librerie, alcune associazioni culturali del territorio con la funzione di stimolo per la creazione di nuovi modelli di promozione della lettura nelle scuole, proposte a partire dalle realtà locali. Il coordinamento generale e la direzione scientifica è a cura dell’università, che misurerà l’effettivo cambiamento nelle abitudini di lettura da parte degli studenti così da fornire informazioni utili per il futuro. Quattro le associazioni coinvolte (Lo studio di Francesco di Morano Calabro, il Circolo di cultura Tommaso Cornelio di Rovito, la Cooperativa Kiwi di Rosarno, l’associazione MutaMenti di Crotone) e sette le scuole (primaria e secondaria di I e II grado nei comuni di Rovito, Spezzano Albanese, Castrovillari, Morano e Laino Borgo in provincia di Cosenza, Rosarno in provincia di Reggio Calabria e Crotone).

#ioleggoperchéLAB - NIDI prenderà vita invece grazie a un’iniziativa pilota sviluppata in collaborazione con Fondazione Cariplo con l’obiettivo di coinvolgere, per la prima volta, anche la fascia dei piccolissimi: una sperimentazione in partenza a settembre che interesserà 250 nidi distribuiti tra la Lombardia e le province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola.

Come tutti gli anni, #ioleggoperché si coniuga inoltre con la manifestazione autunnale per le scuole organizzata dal Centro per il libro e la lettura, Libriamoci, che da quest’anno prevede anch’essa un'attività permanente nelle scuole fino a maggio.

«Le biblioteche scolastiche rappresentano un prezioso presidio di democrazia e una ricchezza per studentesse e studenti» ha commentato il Ministro dell’istruzione, Patrizio Bianchi. «L’educazione alla lettura, la passione per i libri li aiutano a scoprire il mondo, a maturare spirito critico e autonomia di pensiero, a diventare adulti consapevoli. Per questo sono importanti iniziative come #ioleggoperché. Leggere permette di vivere altre storie, vuol dire imparare a scrivere e anche a condividere la parola. In questo momento come mai abbiamo bisogno di dialogo».

«Lo sport al pari della cultura è capace di offrire una opportunità a tutti» ha aggiunto il Sottosegretario allo sport Valentina Vezzali. «#ioleggoperché è lo strumento grazie al quale rafforziamo questa alleanza. La pratica di una attività sportiva contribuisce alla crescita e allo sviluppo dell’individuo, ne favorisce l’inclusione sociale e promuove valori importanti, esattamente come fanno il libro e la lettura. Con il Dipartimento per lo sport abbiamo aderito a questo progetto che ci permetterà di spiegare ai ragazzi che il rispetto delle regole, proprio dello sport, e la lettura che è il motore della conoscenza, sono necessari per essere protagonisti».

Proprio grazie al supporto del Dipartimento dello sport della Presidenza del consiglio dei ministri, accanto al contest tradizionale che da sempre premia, grazie a SIAE, 10 scuole di ogni ordine e grado, ne nasce nel 2022 uno nuovo, rivolto solo alle scuole secondarie di secondo grado, con l’obiettivo di lavorare con loro provocando e stimolando un loro coinvolgimento, in questa età così delicata per il rapporto con il libro e la lettura: #ioleggoperché premia infatti le 10 scuole secondarie di secondo grado che interpreteranno al meglio il tema sport, lettura e inclusione.

Dal 16 giugno le scuole italiane (scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado) e le librerie potranno iscriversi sulla piattaforma www.ioleggoperche.it.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.