Il tuo browser non supporta JavaScript!
Innovazione

Netflix ci farà scegliere il finale di un episodio di Black Mirror

di Alessandra Rotondo notizia del 2 ottobre 2018

Attenzione, controllare i dati.

Secondo Bloomberg, Netflix starebbe lavorando a un episodio «scegli la tua avventura» da inserire nella quinta stagione di Black Mirror, in distribuzione sulla piattaforma – non sappiamo se anche per il mercato italiano – da dicembre 2018.

La serie antologica (con scenari e personaggi diversi per ogni episodio) è ambientata in un futuro prossimo e distopico che ha evidenti affinità con il nostro presente. Il largo apprezzamento che ha suscitato presso il pubblico e la critica – è stata insignita anche di qualche Emmy: i più recenti, per l’episodio della terza stagione dal titolo San Junipero, scelto come miglior film televisivo e migliore sceneggiatura – è dovuto soprattutto alla sua capacità di riflettere sulle implicazioni sociali e umane della tecnologia. E sulle conseguenze, spesso cupe o apertamente drammatiche, che le invenzioni più innovative potrebbero riverberare sulle nostre vite.

Fino ad oggi Netflix ha sconvolto il modello di business dell’entertainment audiovisivo insistendo su aspetti come l’on demand e la distribuzione in blocco delle puntate di una stagione. Ma, di fatto, non ha alterato la struttura dei format se non in rari casi, proponendo per lo più sitcom divise in unità da 25 minuti, documentari di un'ora e film di due. Come qualsiasi altra rete televisiva.

Con Black Mirror, invece, Netflix vuole esplorare l’interactive storytelling, lasciando che sia il pubblico a fare le scelte più importanti per il dipanarsi della storia, in maniera non dissimile rispetto a quanto avviene in un videogame. Il primo esperimento arriverà con un episodio della prossima stagione e consentirà allo spettatore di incidere – con le sue decisioni – sull’evoluzione della trama, condizionando il finale.

Sempre secondo la testata non si tratterebbe di un caso unico, bensì della sperimentazione di un nuovo formato che Netflix metterà a sistema tra le sue produzioni. L’obiettivo potrebbe essere quello di dar vita a nuovi prodotti, ma anche quello di esplorare la portata narrativa di serie già esistenti con la concezione ad hoc di puntate interattive.

Qualcosa di simile, peraltro, il colosso dell’entertainment l’ha già fatto. In vari Paesi (non in Italia) ha rilasciato lo sceneggiato per bambini Puss in Book, dove agli spettatori più piccoli viene chiesto di prendere decisioni per conto del gatto protagonista. In questa direzione parrebbe muoversi anche un’altra produzione Netflix, realizzata in collaborazione con Telltale Games e distribuita a partire dai prossimi mesi: una serie animata basata sul popolare videogioco Minecraft.

L'autore: Alessandra Rotondo

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Mi sono laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, poi ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.