Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Archivio fascicoli

Dicembre 2016 - cover rosa

rivista: Giornale della Libreria

pagine: 24

«Un editore su quattro in Italia, è un piccolo editore. Un terzo dei titoli che entrano nei canali di vendita è pubblicato da piccole e medie case editrici. La piccola e media editoria, specularmente al settore manifatturiero nazionale, è fatto da piccole e medie imprese che pubblicano libri ed e-book (sono un terzo del totale). Il suo peso sul mercato trade negli ultimi anni – lentamente – cresce: dal 31,0% del 2013, al 31,1% dell’anno successivo, al 32,0% dello scorso anno. Ci sono state settimane in cui nelle classifiche di vendita capeggiavano autori e titoli pubblicati da piccole case editrici. I marchi sono noti. Difficile sostenere che il sistema industriale della piccola e media editoria non sia una parte centrale del sistema industriale che compone la nostra filiera. Capacità di innovazione di prodotto (tradotto: autori, generi, letterature nuove, mai lette e sentite), di processo (un po’ meno, ma c’è: se pubblico libri su una certa area linguistica, perché non fare corsi o festival?), di internazionalizzazione (diritti, ma non solo). E anche di concept fieristico-espositivo. [...] Non sappiamo quanto una manifestazione come PLPL abbia influito su tutto questo. Certamente è servita a dare consapevolezza a questi editori di essere un sistema d’impresa, che sul mercato compete».

Dicembre 2016 - cover verde

rivista: Giornale della Libreria

pagine: 24

«Un editore su quattro in Italia, è un piccolo editore. Un terzo dei titoli che entrano nei canali di vendita è pubblicato da piccole e medie case editrici. La piccola e media editoria, specularmente al settore manifatturiero nazionale, è fatto da piccole e medie imprese che pubblicano libri ed e-book (sono un terzo del totale). Il suo peso sul mercato trade negli ultimi anni – lentamente – cresce: dal 31,0% del 2013, al 31,1% dell’anno successivo, al 32,0% dello scorso anno. Ci sono state settimane in cui nelle classifiche di vendita capeggiavano autori e titoli pubblicati da piccole case editrici. I marchi sono noti. Difficile sostenere che il sistema industriale della piccola e media editoria non sia una parte centrale del sistema industriale che compone la nostra filiera. Capacità di innovazione di prodotto (tradotto: autori, generi, letterature nuove, mai lette e sentite), di processo (un po’ meno, ma c’è: se pubblico libri su una certa area linguistica, perché non fare corsi o festival?), di internazionalizzazione (diritti, ma non solo). E anche di concept fieristico-espositivo. [...] Non sappiamo quanto una manifestazione come PLPL abbia influito su tutto questo. Certamente è servita a dare consapevolezza a questi editori di essere un sistema d’impresa, che sul mercato compete».

October 2016 - English version

rivista: Giornale della Libreria

pagine: 24

Being an industry – and it is no accident that we have put a map of our world in the centre of this edition – means highlighting what our role is: we are an industry which, even in years of market contraction, has been able to innovate, to become more efficient, to discover new authors and promote new genres, to launch ourselves in emerging markets and to incorporate innovation in our production and distribution processes and make it our own. Could we have done better? Undoubtedly! But this is precisely why we assert our commitment to produce culture and to be culture and, at the same time and in equal measure, industry.

Ottobre 2016

rivista: Giornale della Libreria

pagine: 36

Essere industria – e non a caso abbiamo posto al centro di questo numero una mappa del nostro mondo – significa mettere in evidenza questo nostro ruolo: siamo un’industria che anche in anni di contrazione del mercato ha avuto la capacità di innovarsi, di diventare più efficiente, di scoprire nuovi autori e valorizzare nuovi generi, di proiettarsi verso mercati emergenti, di far propria e di incorporare l’innovazione nei nostri processi produttivi e distributivi. Potevamo fare meglio? Certo! Ma proprio per questo rivendichiamo, e lo rivendichiamo a pari livello, il nostro impegno a fare e essere cultura. E al tempo stesso industria.

Maggio 2016

rivista: Giornale della Libreria

pagine: 36

«Pubblicando oggi il primo numero del Giornale della Libreria, crediamo utile indicarne brevemente i propositi». Così cominciava l’editoriale del primo numero del GdL del 1° gennaio 1888. Anonimo ma probabilmente scritto da Emilio Treves.

Aprile 2016

rivista: Giornale della Libreria

pagine: 40

L’editoria per bambini e ragazzi continua a essere uno dei segmenti trainanti del mercato editoriale italiano e lo Speciale Universo ragazzi del Giornale della Libreria si propone di restituirne un’immagine variegata e poliedrica. Dai dati di mercato a quelli sulle iniziative di promozione della lettura, dai personaggi globali diffusi dal licensing alle tecniche di stampa, fino all’evoluzione delle librerie e delle biblioteche specializzate e alla maggiore diversificazione dei gusti dei piccoli lettori. Il risultato è un numero denso d’informazioni, capace di evidenziare le tendenze maggiori del settore, di indagarne le caratteristiche peculiari e tracciarne le ragioni del successo. Sia quelle imprescindibilmente legate al segmento, che quelle esportabili anche nell’ambito della cosiddetta «editoria maggiore».

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.