Il tuo browser non supporta JavaScript!
Innovazione

Il futuro dello shopping online sono i video?

di Alessandra Rotondo notizia del 2 March 2017

Attenzione, controllare i dati.

Tra gli strumenti e le dinamiche di comunicazione attivate sui (e dai) social media il video sta acquisendo un’importanza da tempo crescente. Basta pensare ai recenti annunci di Facebook che, dopo aver introdotto l’autoplay (ovvero la riproduzione automatica dei contenuti video) ormai tre anni fa, promette ora una serie di novità che hanno come cardine questo media: dall’audio automatico all’interno del News Feed ai formati verticali, dalle app per la tv alle soluzioni concepite in ottica pubblicitaria. Non è un caso che proprio qualche giorno fa il colosso di Zuckerberg abbia introdotto in sperimentazione in alcuni Paesi – con l’obiettivo di estenderla a tutti – Stories, la funzione che consente di condividere con i propri amici un insieme di contenuti, come immagini e filmati, che scompaiono automaticamente dopo 24 ore, in modo simile a quello che accade già con Snapchat e Instagram.

Un ulteriore esempio della centralità del «video breve» all’interno delle nostre diete mediali è offerto dal successo di Tasty, il format di BuzzFeed che si articola in una decina di serie (locali o tematiche) sul comfort food. E di tutti i cloni, i tormentoni e le campagne pubblicitarie che questi filmati hanno ispirato nel tempo (ricordate la carbonara «alla francese» e la risposta di Barilla alla moda del one-pot cooking?).

Se il video si è già abbondantemente affermato come strumento di comunicazione, la novità consiste nel fatto che una delle prossime tendenze del marketing potrebbe guardare al video come strumento diretto di vendita. È l’idea dietro la startup newyorkese MikMak, la cui omonima app permette agli utenti di acquistare in modalità one-click gli articoli mostrati – inseriti in contesti d’uso – in filmati di 20-30 secondi, dal taglio ironico e l’innegabile perizia redazionale. Si tratta infatti di contenuti progettati e girati da professionisti, con la partecipazione di veri attori e un livello qualitativo abbastanza elevato.


A diventare protagonisti dei filmati sono oggetti di qualsiasi tipo, che hanno spesso una componente bizzarra o la capacità di risolvere un piccolo problema quotidiano in stile life hack (un’altra delle tendenze, anche video, dei contenuti sui social media). Dal levatorsolo all’infusore a forma di Nessie, da un kit sbiancante per i denti allo stampo per sfornare waffle che sembrano tastiere del pc: la caratteristica che li accomuna è quella di costare meno di 100 dollari, favorendo l’acquisto d’impulso.

Lo staff di MikMak si occupa di tutto: dalla scrittura, alla realizzazione, alla diffusione del video. In cambio trattiene una percentuale su ogni transazione commerciale effettuata sulla piattaforma. Per il momento l’utente tipo dell’app è donna, ha un’età compresa tra i 18 e i 34 anni e guarda in media 20 mini filmati al giorno: un numero importante se si considera che la visione è volontaria e non subìta, come succede invece per la gran parte dei contenuti pubblicitari, fuori e dentro il web.

Cosa c’entra con i libri? In primo luogo non è impensabile che tra le rotelle tagliapizza a forma di ascia e le scimmiette asciugasmalto possa comparire qualche libro, come parte della strategia di marketing di un editore che mira al target raggiunto dall'app e dal suo codice espressivo. In secondo luogo, la piattaforma di MikMak potrebbe ispirarne un’altra, di stampo interamente editoriale, con booktrailer al posto dei video, possibilità di esplorazione per genere, autore, contenuto e pulsante per l’acquisto (del cartaceo o dell’e-book) a portata di tap.

L'autore: Alessandra Rotondo

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Mi sono laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, poi ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.