Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

I nomi dei candidati al Prix Voltaire 2018

di Denise Nobili notizia del 11 gennaio 2018

Attenzione, controllare i dati.

Sono stati diffusi oggi i nomi che compongono la shortlist di possibili vincitori del Prix Voltaire 2018, premio promosso dall’International Publishers Association come riconoscimento e sostegno concreto agli editori che si sono distinti per l’impegno in nome della  libertà di edizione. 

A individuare la shortlist sono stati i nove professionisti dell’editoria che compongono il comitato Freedom to Publish di IPA, delegati dalle associazioni editori di Argentina, Belgio, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Tailandia, Turchia ed Emirati Arabi.

Nella rosa dei cinque finalisti ritroviamo alcuni nomi noti, tre dei quali già candidati in passato: Gui Minhai, l’editore e librario di Hong Kong rapito oltre due anni fa dalla polizia cinese e detenuto tutt’ora in Cina, di cui non si hanno più notizie dopo le ultime ambigue dichiarazioni rilasciate dalle autorità; Chowdhury, Ahmedur Rashid (noto anche come Tutul), l’editore del Bangladesh vittima nel 2015 di un violento assalto da parte di fondamentalisti islamici in cui ha rischiato la vita, ora rifugiatosi in Norvegia con la sua famiglia per ragioni di sicurezza;  Azadeh Parsapour, l’editrice con sede a Londra che pubblica in digitale, con licenza Creative Commons, opere in persiano che toccano i temi tabù della cultura iraniana a cui i lettori in Iran non potrebbero accedere altrimenti.

A questi si aggiungono due nomi nuovi: Lewis Medjo, l’editore e giornalista del Camerun arrestato più volte a causa delle sue inchieste critiche nei confronti del governo e che, nonostante le gravi condizioni di salute, rischia nuovamente di tornare in carcere, e Tamás Miklós, che in Ungheria  si trova a operare sotto la pressione di un regime autoritario  e sempre più repressivo nei confronti della libertà di edizione e di ricerca, a partire dalla storica decisione di ritornare al libro di testo unico per le scuole.

Ogni settimana l’IPA pubblicherà un approfondimento sulla biografia di ciascun candidato, a cominciare da Azadeh Parsapour.

Il Prix Voltaire (IPA Freedom to Publish Prize) è un riconoscimento a una persona o un’organizzazione che ha saputo dare un significativo contributo alla difesa e alla promozione della libertà di edizione e di espressione. A tal proposito, Kristenn Einarsson, che presiede il comitato Freedom to Publish dell’IPA, ha sottolineato come anche quest’anno ogni candidato al premio si sia distinto per l’autentico coraggio dimostrato sia nell’opporsi ai tentativi di repressione della libertà di edizione sia nell’assumersi ogni rischio che comporta l’aver dato voce agli autori attraverso la loro pubblicazione.

Il comitato sceglierà tra i cinque candidati un vincitore, a cui verrà verrà  consegnato il premio l’11 febbraio a Nuova Delhi, durante l’International Publishers Congress dell’IPA.

L'autore: Denise Nobili

Laureata in Filologia, mi sono poi specializzata e ho lavorato in comunicazione, approdando infine al Master in Editoria della Fondazione Mondadori. Sono interessata a tutto ciò che è comunicazione della cultura, nuovi media, e mi affascinano gli aspetti più pop e innovativi del mondo del libro.

Guarda tutti gli articoli scritti da Denise Nobili

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.