Assidui lettori e frequentatori degli store online: si potrebbero descrivere così i lettori canadesi, che si caratterizzano per avere una delle percentuali di acquisto online più alte nel settore editoriale.

Un’indagine di Booknet Canada relativa alle abitudini d’acquisto nel 2015, infatti, ha evidenziato come ben il 47,1% dei canadesi si rivolga a un rivenditore online per procurarsi i libri che desidera, sia cartacei che digitali; e che il 17% degli acquirenti scopre i libri che poi acquista (in questo caso, sia sul web che in libreria) proprio navigando sul web.
Tuttavia – pur essendo i canadesi i lettori digitali voraci, tant’è che il 18% dei libri acquistati nel secondo quarto del 2016 è in formato e-book – il cartaceo, in particolare in formato tascabile, è ancora preferito e rappresenta il 54% di tutti gli acquisti fatti nei primi sei mesi del 2016.

Le librerie, dunque, passano ufficialmente al secondo posto: il 36,8% degli acquisti è stato fatto in una libreria, e di questi, il 27,6% in una libreria di catena.
Uno dei dati che può farci comprendere meglio la scelta del digitale rispetto al punto vendita fisico riguarda il prezzo: l’8,5% delle persone che hanno acquistato libri online, infatti, riferisce di averlo fatto per il prezzo basso.

Quali sono poi i motivi per cui leggono i canadesi? La stragrande maggioranza – il 56,4% – legge per puro intrattenimento, per rilassarsi e divertirsi.


 

L'autore: Camilla Pelizzoli

Laureata in Lettere moderne (con indirizzo critico-editoriale), ho frequentato il Master in editoria. Mi interessa la «vita segreta» che precede la pubblicazione di un libro – di carta o digitale – e mi incuriosiscono le nuove forme di narrazione, le dinamiche delle nicchie editoriali e il mondo dei blog (in particolare quelli letterari).

Guarda tutti gli articoli scritti da Camilla Pelizzoli