Il tuo browser non supporta JavaScript!
Editori

Vuoi raccontare i tuoi libri sul Giornale della libreria? A dicembre puoi farlo grazie all'accordo di AIE con ALI e ABI

di Redazione notizia del 5 novembre 2020

Attenzione, controllare i dati.

Il numero di dicembre del nostro periodico di carta (registrati al network per consultare l’archivio degli anni passati) esce tradizionalmente in occasione di Più libri più liberi ed è uno specchio dell’evoluzione della piccola e media editoria che fa grande e variegata la fiera di Roma. Nel corso degli ultimi anni – assecondando il percorso di crescita della manifestazione – il Giornale della libreria ha provato a raccontare la ricchezza di questo segmento osservandolo da più prospettive: scomponendolo in generi e sottogeneri, tracciandone il perimetro economico, interpretandone bisogni pratici e informativi, interrogandosi sull’identikit del suo pubblico di riferimento e dei canali di informazione e vendita che sono più congeniali ai suoi libri.

In questo 2020 in cui tutto è cambiato, volevamo che il rapporto tra la quarta (e ultima) uscita dell’anno del Giornale della libreria e la piccola e media editoria rimanesse ugualmente intenso, anzi rinforzato. Così, mentre Più libri più liberi si prepara a tornare ancor più rigogliosa nel 2021, il numero di dicembre conserverà il suo focus tematico, declinandolo in nuove formule di contenuto.

All’interno del Giornale della libreria, infatti, abbiamo previsto un quartino speciale – dotato di una sua autonomia grafica ed editoriale, ma coerente per cura, temi e layout con la rivista – nel quale 12 editori troveranno spazio per raccontare ai nostri lettori (in gran parte librerie e biblioteche) il proprio piano editoriale per il 2021 o i primi lanci novità dell’anno. Ciascuno disporrà di un box nel quale – con il supporto della redazione – potrà far emergere la sua identità e la sua proposta editoriale.

L’iniziativa si inserisce tra le attività che il Gruppo piccoli editori di AIE sta portando avanti con la filiera per offrire maggiore visibilità alla piccola e media editoria. Ricollegandosi a uno dei temi emersi frequentemente in occasione dei Tavoli di lavoro su distribuzione e promozione, l’Associazione ha inoltre previsto per questo numero una distribuzione digitale speciale a librerie e biblioteche, grazie all’accordo stretto con l’Associazione Librai Italiani (ALI Confcommercio) l’Associazione Italiana Biblioteche (ABI). Un’operazione che – sommandosi alle copie abitualmente distribuite in abbonamento – porterà a coprire un’ampia parte del tessuto nazionale delle infrastrutture per la lettura.

Le informazioni di dettaglio sull’iniziativa, le modalità operative e i costi sono disponibili qui. Poiché il numero di pagine dedicate ci consente di ospitare un numero limitato di editori, invitiamo gli interessanti a contattare l’ufficio commerciale (e-mail: valter.boscarello@aie.it; cellulare: 3404704759) entro il 13 novembre. Per domande sugli aspetti redazionali si può invece scrivere a redazione@giornaledellalibreria.it o contattare il numero 02 89280802.

Ricordiamo inoltre che il Decreto Rilancio prevede che le spese di pubblicità sostenute nel 2020 possono essere recuperate come credito d’imposta nel 2021 nella misura unica del 50% dell'intero valore degli investimenti pubblicitari effettuati.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.