Il tuo browser non supporta JavaScript!
Curiosità

Assistenti vocali, werable e TikTok. Il digitale in Italia nel 2019

di Alessandra Rotondo notizia del 18 febbraio 2020

Attenzione, controllare i dati.

Sono quasi 50 milioni gli italiani che si sono connessi regolarmente a Internet nel corso del 2019. 35 milioni quelli presenti e attivi sui canali social. A mostrarlo è il Report Digital 2020, la consueta pubblicazione di We Are Social realizzata in collaborazione con Hootsuite che fotografa lo «stato del digitale» nel mondo. Con un focus specifico su diversi Paesi, tra i quali il nostro.


L'Italia si conferma matura, connessa, social e con un trend di adozione in crescita sia per quanto riguarda Internet in senso ampio che l’utilizzo di servizi e piattaforme e le nuove tecnologie. Ad aumentare è peratro anche il tempo che decidiamo di passare online: in media 6 ore al giorno, delle quali quasi due sui social (1 ora e 57 minuti, contro l’ora e 51 della rilevazione dell’anno precedente).


Per quanto riguarda l'utilizzo di nuove tecnologie, dal report emerge una crescita di ben 5 punti percentuali – rispetto allo scorso anno – nell'utilizzo di assistenti vocali virtuali, da dispositivi mobili o device dedicati (dal 30% al 35%). Un italiano su 12 possiede device per la smart home, mentre triplica (dal 5% al 15%) la penetrazione della categoria dei werable, siano essi smartwatch o altri dispositivi per il tracciamento dell'attività fisica o della salute in senso ampio. Più indietro l'adozione di dispositivi per la realtà virtuale, in mano al 3% degli italiani.

Pressoché saturo il mercato degli smartphone, posseduti dal 94% della popolazione. A conferma della capillarità della penetrazione di questo tipo di dispositivo anche il fatto che il 98% degli utenti social si connette da dispositivo mobile.


E, a proposito di social, quali sono le piattaforme preferite dagli italiani? Nessuno scossone rispetto ai dati dello scorso anno, con YouTube e la famiglia di app di Facebook (WhatsApp, Facebook, Instagram e Messenger, nell'ordine) saldamente nella top 5. Instagram è la piattaforma che registra la crescita più evidente, dal 55% al 64%. In salita anche Pinterest, dal 24% al 29%.
Crescono di un paio di punti percentuali anche Snapchat, Twitter, WeChat e Reddit: molto diverse l’una dall’altra eppure ugualmente testimoni di un mood positivo, indicatore del buono stato di «salute generale» dei social media, dai più generalisti ai più verticali.

Impossibile non menzionare TikTok, il social dei giovanissimi e del momento, che consente di creare e diffondere brevi clip video dalla durata di 15-60 secondi, modificati con filtri, velocità di riproduzione alterate ed effetti particolari. È il primo anno che il Report Digital rileva l’utilizzo di questa piattaforma in Italia, e l’adozione registrata è già all'11%. Indicatore di una penetrazione ancor più ampia sulla fascia demografica prevalentemente presente sul canale: la Generazione Z.


Quali sono le ombre di un’esistenza connessa? Nel 2019 più di un italiano su due ha  espresso preoccupazione per la tematica delle fake news (52%) e del trattamento dei dati personali (59%) da parte delle piattaforme e delle aziende. È contestualmente cresciuto l'utilizzo di strumenti di ad-blocking (dal 35% al 40% nell’ultimo anno).

Anche se alla prima rilevazione, il Report Digital 2020 mostra poi risultati interessanti per quanto riguarda la regolare cancellazione dei cookies da parte degli utenti (54%) e l’utilizzo di sistemi e app per il tracciamento dello screen time sui dispositivi mobili (15%), utile soprattutto per monitorare i comportamenti digitali dei più piccoli e per garantirne la sicurezza.

L'autore: Alessandra Rotondo

Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Da diversi anni mi occupo di contenuti, dal 2015 al Giornale della libreria. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.