Il tuo browser non supporta JavaScript!

Italian books abroad (and foreign books in Italy) 2019

Attenzione, controllare i dati.

Nel riconoscimento della crescente importanza dell’internazionalizzazione e per favorire la conoscenza e lo scambio di pubblicazioni e prodotti letterari tra l’Italia e gli altri Paesi, quest'anno AIE e il Giornale della Libreria, hanno nuovamente aggiornato e ampliato – come fanno ormai dal 2008 – l’Italian books abroad, le «pagine gialle» in inglese per l’import-export editoriale tra il nostro Paese e il resto del mondo.

Crediamo in primo luogo che scoprire l'identità dei professionisti del settore sia un buon punto di partenza per la comprensione del mercato e delle sue potenzialità, inoltre pensiamo che sia importante sapere materialmente a chi rivolgersi per ottenere libri in lingua italiana da distribuire nel proprio Paese.

La necessità di uno strumento come questo è ancora maggiore ora che i titoli italiani stanno sperimentando un crescente aumento di popolarità nel mondo, raggiungendo un pubblico via via più ampio e ricevendo maggiore attenzione dalla critica e dai media. La vendita all’estero di diritti di autori italiani continua infatti a essere in crescita, guidata dai libri per bambini e ragazzi e dalla narrativa. Ma restiamo anche un Paese che acquista (e traduce) molto, spesso prima di altri colleghi stranieri: in media 9-10 mila titoli negli ultimi anni. Con un disavanzo rispetto alla vendita, vale la pena sottolinearlo, che si assottiglia sempre di più.

I criteri usati per la selezione degli indirizzi ricompresi in questa pubblicazione sono gli stessi degli anni precedenti. Per l'Italia l'elenco non comprende gli editori che vendono i propri libri direttamente all'estero. Per gli altri Paesi, al fianco di importatori e distributori, abbiamo anche considerato librerie e catene di librerie che dichiarano di avere un vasto assortimento di libri italiani e alcune librerie italiane all'estero, scelte tra quelle maggiormente conosciute e apprezzate.

Abbiamo poi corretto errori e lacune che ci sono state fatte notare nella precedente edizione. Tuttavia, ce ne saranno sicuramente altri ancora da correggere. Cogliamo perciò l'occasione per chiedere scusa a tutte le società che sono «sfuggite» alla nostra attenzione e invitiamo i lettori a inviarci le correzioni e le aggiunte da inserire nella prossima edizione scrivendo a redazione@giornaledellalibreria.it

Clicca su «Scarica il file» per consultare l'Italian books abroad (and foreign books in Italy) 2019.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.