Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
Persone

Altri dieci anni a Brera per il Laboratorio Formentini: rinnovata la concessione a Fondazione Mondadori

di Samuele Cafasso notizia del 23 maggio 2024

Altri dieci anni a Brera per il Laboratorio Formentini per l’editoria: il direttore Giacomo Papi annuncia che il Comune di Milano ha rinnovato la concessione degli spazi in gestione alla Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e dove opera dal 2015 il centro dedicato alla valorizzazione del lavoro editoriale attraverso mostre, organizzazione di incontri, attività formative, con il contributo a livello di progetti e programmi di Fondazione Cariplo.

«Stiamo già lavorando al programma» spiega Papi che dal 2021 dirige il Laboratorio: «Vogliamo proseguire sulla strada di aprire il Laboratorio a un pubblico più vasto, non per forza di professionisti dell’editoria». Raccontare, quindi, il mondo dei libri ai milanesi aprendo le porte del Laboratorio al pubblico, ma anche sviluppando iniziative esterne, nelle piazze e nelle vie della città. E poi guardando al calendario che scandisce la vita di Milano, con incontri in occasione di anniversari o eventi come le Olimpiadi, BookCity e molto altro.

«Le basi del programma con cui ci siamo aggiudicati il rinnovo ruotano attorno alle attività di Milano come Città Creativa Unesco della Letteratura» spiega Papi. Milano è entrata nel network nel 2017. «Il Laboratorio Formentini sarà un po’ l’hub milanese di questa rete. Funzioneremo da raccordo per i programmi di scambio che coinvolgono i traduttori, ad esempio, ma anche per la comunicazione del progetto». Tra le attività di questo filone, lo scorso 24 febbraio, a due anni dall’aggressione russa all’Ucraina, è stato organizzato Reading for Odessa, un evento culturale internazionale in solidarietà con il Museo della letteratura di Odessa che ha coinvolto tutte le 15 Città Creative Unesco della Letteratura, tra cui c’è appunto anche Odessa.

Sarà più visibile il legame tra il Laboratorio e Fondazione Mondadori, a cui il Comune di Milano ha affidato la gestione, e che oggi è guidata da Paolo Verri. «La nostra idea è di valorizzare il patrimonio della Fondazione su un pubblico più vasto degli specialisti. Fino ad ora il Laboratorio è stato un luogo neutro, ora il legame con Fondazione Mondadori sarà più forte e più visibile». Sono allo studio anche lavori di ristrutturazione e adattamento anche degli spazi, che riguarderanno il cortile e le sale interne, una sarà dedicata a Milano.

Saranno aumentate, inoltre, le attività con le scuole, i percorsi formativi, laboratori, seminari. E verranno organizzati percorsi letterari nella città: «Crediamo che i libri e la letteratura siano una modalità fondamentale per il racconto di una città». Un esempio, in questo senso, è ScriviMi, una iniziativa lanciata nel 2021 e che prevedeva un ciclo di lezioni gratuite tenute da scrittori e scrittrici milanesi di oggi su grandi scrittori e scrittrici milanesi di ieri, un concorso letterario gratuito aperto a chi ha tra i diciotto e i trentacinque anni, quindi un libro di racconti su Milano, scelti da una giuria selezionata tra quelli arrivati al concorso e pubblicato dalla casa editrice Mondadori nel 2023.

Ad oggi, il Laboratorio Formentini ospita tra i 60 e i 70 eventi all'anno circa, tra attività di formazione e iniziative di divulgazione del sapere editoriale, di produzione propria e altrui. Ogni anno partono circa cinque laboratori (di scrittura e di editoria) a cui partecipa una media di dieci persone a classe. Vengono inoltre prodotte tra le due e le quattro mostre, visitabili gratuitamente dalla cittadinanza, che restano allestite da uno a tre mesi. Durante BookCity Milano, ogni anno il Laboratorio ospita fino a cinque eventi al giorno. Per quanto riguarda le attività esterne, nel 2023/2024 ne sono state avviate una con BookCity Scuole, una con il Museo Poldi Pezzoli e una con il carcere di San Vittore, in collaborazione con il Piccolo Teatro.

L'autore: Samuele Cafasso

Sono nato a Genova e vivo a Milano. Giornalista, già addetto stampa di Marsilio editori e oggi di AIE, ho scritto per Il Secolo XIX, La Stampa, Internazionale, Domani, Pagina99, Wired, Style, Lettera43, The Vision. Ho pubblicato «Figli dell’arcobaleno» per Donzelli editore. Quando non scrivo, leggo. O nuoto.

Guarda tutti gli articoli scritti da Samuele Cafasso

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.