Il tuo browser non supporta JavaScript!
Normativa

UE, esteso il diritto d’autore sulla musica

di L. Biava notizia del 14 settembre 2011

Attenzione, controllare i dati.

Buone notizie per i musicisti nostrani. L'Unione europea ha infatti deliberato con la direttiva del 12 settembre scorso l’estensione dei diritti d'autore sulla musica da 50 a 70 anni.
Alla base della decisione sta la considerazione che, dato l’aumento dell’aspettativa di vita media, spesso artisti le cui canzoni composte in gioventù sono ancor oggi molto popolari (un esempio per tutti Grazie dei fior di Nilla Pizzi che è datata 1951) finiscono per non percepire più in vecchiaia i diritti derivanti dalla loro opera.
Grande la soddisfazione della Fimi, federazione industria musicale italiana: «Si tratta di un passo fondamentale per la tutela della creatività europea e soprattutto per gli artisti che rappresentano la produzione europea – ha dichiarato il presidente, Enzo Mazza –. Siamo anche grati all'Italia che ha giocato un ruolo fondamentale nella costruzione del consenso necessario a Bruxelles per ottenere questo importante risultato».
L’Europa si avvicina così allo standard di Paesi come gli Stati Uniti dove i diritti sono tutelati per 95 anni, Messico per 75, Cile, Brasile, Perù e Turchia in cui la tutela si estende per 70 e India a quota 60 anni.
 

Nilla Pizzi canta Grazie dei fior al Festival di Sanremo (1951)


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.