Il tuo browser non supporta JavaScript!
Normativa

Germania: Random House dovrà pagare i diritti agli eredi di Goebbels

di A. Lolli notizia del 10 luglio 2015

Attenzione, controllare i dati.

Il tribunale di Monaco ha dato ragione agli eredi di Goebbels, il braccio destro di Hitler e ministro della Propaganda della Germania nazista tra il 1933 e il 1945. Al centro di un contenzioso iniziato ad aprile con i discendenti del gerarca, la casa editrice Random House dovrà infatti versare i diritti derivanti dall’utilizzo di estratti dei Diari da parte di Peter Longerich, un professore di storia tedesca e autore di una biografia su Goebbels. Questa è stata la decisione presa giovedì scorso dalla corte, che ha suscitato da subito aspre polemiche.
Rainer Dresen, consigliere generale di Random House ha parlato del verdetto come di un momento triste per la Germania e ha accusato la corte di aver scelto la strada più facile e di essere priva di memoria storica. Secondo Dresen si è completamente ignorata la domanda fondamentale:«Si deve davvero pagare per le parole di un criminale di guerra?».
Facciamo un passo indietro. La richiesta degli eredi di Goebbels era stata inoltrata alla Random House dall’avvocato Cordula Schacht (figlia di Hjalmar Schacht, ministro dell’Economia della Germania nazionalsocialista tra il 1933 e il 1937). Di fronte a questa richiesta Random House si era dichiarata disponibile a versare l’1% degli incassi delle vendite a un’associazione di assistenza alle vittime dell’Olocausto ma aveva ottenuto un rifiuto sdegnato da parte della Schacht e dalla famiglia che avevano insistito invece nel richiedere che il pagamento dei diritti d'autore andasse solo ed esclusivamente ai discendenti di Goebbels.
Si è così aperto il processo che ha portato alla decisione di ieri e che ha spinto la casa editrice a dichiarare di voler fare ricorso alla corte suprema.


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.