Il tuo browser non supporta JavaScript!
Mercato

Giappone. I manga digitali superano quelli di carta

di Alessandra Rotondo notizia del 26 febbraio 2018

Attenzione, controllare i dati.

In Giappone, nel 2017, il mercato dei manga digitali ha superato per la prima volta quello del cartaceo, realizzando le previsioni che avevamo condiviso a settembre sul «Giornale della libreria». A testimoniarlo sono i dati del Research Institute for Publications di Tokyo (l’istituto nipponico di ricerca sul settore editoriale). Durante lo scorso anno, le vendite di fumetti «in pixel» sono cresciute del 17,2% rispetto al 2016, totalizzando più di 170 miliardi di yen (1,3 miliardi di euro); la carta – al contrario – ha conosciuto un calo del 14,4%, fermandosi a 166 miliardi di yen (1,2 miliardi di euro).

La preferenza accordata dal lettore ai manga in versione digitale sarebbe motivata da una maggiore convenienza economica e da una scontistica più ricca e appetibile applicata su questo tipo di prodotti. Ma anche dall’evidenza che in digitale è più facile trovare edizioni e numeri risalenti, non più reperibili in formato fisico. A pesare sulla contrazione della carta, invece, ci sarebbero «la conclusione di alcune serie di grande successo e la mancata comparsa di novità rilevanti per il grande pubblico» ha precisato l’istituto di ricerca di Tokyo.

Considerato nella sua totalità (digitale + cartaceo), il mercato dei manga in Giappone è rimasto praticamente invariato rispetto al 2016. Con una lieve flessione (-0,9%) determinata da un aumento della pirateria e non da un interesse calante del pubblico. Proprio per combattere il dilagare dei contenuti illegali, i maggiori editori di fumetti del Paese hanno recentemente lanciato l’iniziativa Manga-Anime Guardians, attraverso la quale si propongono di «salvaguardare l’ecosistema dalla pirateria». Attraverso una serie di azioni mirate a facilitare l’accesso legale al contenuto e a favorirne la riconoscibilità, il comitato disincentiva la fruizione pirata rendendola, in primo luogo, «cosciente». Spesso, infatti, il consumo illegale non viene percepito come tale, e per questo è praticato con maggiore disinvoltura.

Il Giappone, la cui editoria è tradizionalmente legata alla carta, sta sperimentando negli ultimi anni una decisa espansione del segmento digitale. E, secondo i dati dell’Associazione nipponica degli editori di libri e riviste, l’80% di questo segmento è rappresentato, oggi, dai manga. Merito anche della ricchezza di piattaforme di distribuzione: da Comico di NHN a Manga One dell’editore Shogakukan alla più recente Piccoma, appositamente concepita dalla coreana Kakao (nota per KakaoTalk, una delle app di messaggistica istantanea mobile più diffuse nei paesi orientali) per approcciare il mercato giapponese. Una varietà che garantisce una concorrenza più libera e sana rispetto al monopolio di fatto stabilito da Amazon in Occidente.

Ma l’esperienza più significativa (e a più rapida crescita) resta sicuramente quella di Line Corp. Il gigante giapponese dell’instant messaging, che nel 2013 ha aggredito il mercato dei fumetti elettronici con l’applicazione Line Manga, ha potuto contare sin da subito su un bacino di 70 milioni di utenti, integrando il catalogo e le funzionalità del nuovo servizio con un aggiornamento nell’app di punta.

L'autore: Alessandra Rotondo

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Mi sono laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, poi ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.