Il tuo browser non supporta JavaScript!
Mercato

Audible Uk: +45% di fatturato nel 2017

di Antonio Lolli notizia del 5 settembre 2018

Attenzione, controllare i dati.

Il successo degli audiolibri sembra davvero inarrestabile, come abbiamo più volte raccontato in diversi articoli pubblicati negli ultimi mesi su questo sito e nel numero di luglio/agosto del Giornale della libreria. Un trend confermato anche dai risultati economici delle piattaforme a loro dedicate, come Storytel – che vede crescere i suoi abbonati a un ritmo del 30-50% ogni anno – e Audible, la società fondata da Don Katz nel 1995 e acquistata da Amazon nel 2008.

Audible è il principale player del settore a livello mondiale, presente in diversi Paesi – tra cui Stati Uniti, Germania, Francia e Giappone – e arrivato in Italia nel 2016 con un catalogo di 14 mila titoli, di cui 4 mila in italiano. È il leader indiscusso del mercato anche nel Regno Unito, dove secondo le stime Nielsen il settore rappresenta oggi il 5% del totale del mercato del libro.
Con 97 milioni di sterline di fatturato (pari a circa 84 milioni di euro), Audible Uk ha registrato l’anno scorso una crescita del 45% rispetto al 2016. Per la prima volta la società ha avuto inoltre un margine operativo di quasi 2 milioni di sterline.

Un trend di crescita ancora superiore rispetto a quello reso noto dalla Publishers Association che indicava un +25% di vendite per l'intero settore audiolibri e un giro d’affari di 31 milioni di sterline. Un valore sottodimensionato in quanto i dati della Publishers Association non comprendono i risultati di alcuni importanti player attivi in questo mercato, primo fra tutti Audible.

Il report dedicato al settore e pubblicato ad agosto dalla società specializzata in analisi di mercato Enders Analysis sottolinea che «secondo le previsioni, nei prossimi mesi il mercato degli audiolibri continuerà a crescere, anche se è difficile valutarne le dimensioni esatte». Si stima però che, complessivamente, nel Regno Unito abbia già da qualche tempo superato ampiamente i 100 milioni di sterline di fatturato, grazie soprattutto alla performance di Audible. Sempre secondo questa indagine, «uno dei punti di forza della società è stato quello di essere riuscita ad attirare persone fino a quel momento rimaste al di fuori del mercato del libro. È il caso in particolare dei giovani uomini, in media meno propensi alla lettura delle donne». Un aspetto che trova una conferma anche dai dati Nielsen presenti nell’ultima edizione del Books and Consumer Survey che indicavano la predilezione per gli audiolibri soprattutto da parte degli uomini di età compresa tra 25 e 44 anni.

L'autore: Antonio Lolli

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Dopo la laurea in Ingegneria e l’esperienza di ricerca in ambito accademico svolta presso l’università di Bologna, seguo il mondo editoriale nelle sue diverse sfaccettature, con particolare interesse per il confronto tra le realtà dei diversi Paesi del mondo e per le ultime novità dal punto di vista produttivo e tecnologico.

Guarda tutti gli articoli scritti da Antonio Lolli

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.