Il tuo browser non supporta JavaScript!
Librerie

Vederci chiaro nei propri conti: il 13 marzo il corso della scuola UEM sul budget della libreria

di Camilla Pelizzoli notizia del 9 marzo 2017

Attenzione, controllare i dati.

Continuano i corsi monografici organizzati dalla Scuola per librai Umberto e Elisabetta Mauri. Tema del secondo appuntamento sarà Il budget economico e finanziario della libreria: questo il titolo, molto pragmatico, della due giorni che avrà luogo il 13 e il 14 marzo, e che si concentrerà su un lato forse meno romantico di questo mestiere, ma necessario per andare avanti e rendere la propria libreria una presenza stabile nel tessuto urbano e sul mercato.

Il corso, infatti, si propone innanzitutto di insegnare a usare il budget come strumento per individuare, conoscere e imparare a utilizzare leve gestionali e attività che potrebbero portare a un miglioramento dei risultati economico-finanziari della propria libreria. Una prima immersione generale, adatta tanto a chi sta pensando di aprire quanto a chi vuole rinnovare la propria attività, con alcuni punti di approfondimento; in particolare non mancheranno discussioni riguardo a innovazioni e cambiamenti degli ultimi anni, primo fra tutti il non-book e i nuovi servizi che una libreria può offrire ai propri clienti. Ampio spazio sarà dato inoltre all’assortimento e alla sua articolazione, e ci sarà anche un momento di verifica per i progetti di innovazione che sono stati sviluppati dai partecipanti che hanno preso parte anche al corso precedente (27 febbraio).

Il tutto si articolerà su sei moduli: un primo modulo propedeutico, che apre la mattinata del 13 marzo e che fornisce le basi per la stesura di un modello economico-finanziario; poi due moduli sui budget, uno relativo al budget economico e uno a quello finanziario-patrimoniale. Tra questi, dei moduli dedicati a delle vere e proprie esercitazioni, che porteranno in conclusione a sviluppare delle proiezioni che possono essere da utile base per eventuali modifiche e cambiamenti da apportare ai progetti effettivi per la propria libreria. Le lezioni saranno tenute da Carlo Marcon, professore di Economia aziendale all’Università di Ca’ Foscari, e da Mirco Dordolo, responsabile del controllo di gestione per il gruppo Libraccio.

L’obiettivo non è solo dare informazioni pratiche ma anche fornire i mezzi per usarle al meglio (cancellando, quando è il caso, una «paura dei numeri» che gli iscritti – in particolare quelli di estrazione umanistica – possono provare, avendo meno familiarità con il linguaggio economico-finanziario).
«È un corso essenziale sia per chi vuole vederci più chiaro nei propri conti, sia per chi invece coltiva il sogno di aprire una libreria» ci conferma Alberto Galla, coordinatore del corso, direttore di Galla 1880 e presidente dell’ALI – Associazione Librai Italiani. «L’abbiamo sviluppato perché sia un cruscotto, anzi, una cassetta degli attrezzi essenziali per tutti i librai».

Ulterioni informazioni sul corso e le istruzioni per iscriversi
possono essere consultate sul sito della
Scuola per librai UEM

L'autore: Camilla Pelizzoli

Laureata in Lettere moderne (con indirizzo critico-editoriale), ho frequentato il Master in editoria. Mi interessa la «vita segreta» che precede la pubblicazione di un libro – di carta o digitale – e mi incuriosiscono le nuove forme di narrazione, le dinamiche delle nicchie editoriali e il mondo dei blog (in particolare quelli letterari).

Guarda tutti gli articoli scritti da Camilla Pelizzoli

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.