Il tuo browser non supporta JavaScript!
Librerie

Amazon Campus, così Amazon torna a scuola

di G. Pepi notizia del 4 febbraio 2015

Attenzione, controllare i dati.

Nel suo più recente tentativo di guadagnarsi nuove fasce di mercato, Amazon ha deciso di tornare a scuola. Proprio in questi giorni, infatti, è stato reso noto l’accordo del retailer di Bezos con tre università americane per le quali Amazon creerà altrettanti store co-brandizzati attraverso i quali gli studenti potranno acquistare ciò che abitualmente si trovava nei negozi ufficiali dei college (oltre al catalogo Amazon, ovviamente): dai libri di testo all’immancabile memorabilia d’ateneo. 
La prima a vedere realizzato il progetto, ribattezzato Amazon Campus, è la Purdue University nella quale è stata realizzata anche un'area fisica nella quale gli studenti possono ritirare i propri acquisti (foto). Questo bouquet di università sarà la testa di ponte di un progetto che per Amazon potrebbe portare a guadagni per 10,3 miliardi di dollari (tanto sono stimate le vendite annualmente realizzate nei bookshop dei college dalla National Association of College Stores) senza contare che se Amazon avesse successo, Bezos potrebbe concorrere alla definitiva debacle di Barnes & Noble che oggi realizza la maggior parte del proprio business in attivo proprio grazie agli store universitari.
A spaventare la catena libraria è soprattutto la gamma dei servizi offerti da Amazon, dall’Amazon Student Prime (una versione più economica del celebre servizio di consegna riservata) agli armadietti di raccolta presso i quali i ragazzi possono ritirare i propri acquisti a qualsiasi ora.

 


Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.