Il tuo browser non supporta JavaScript!
Lettura

751 mila lettori persi. In Italia si legge sempre meno?

di Alessandra Rotondo notizia del 10 gennaio 2017

Attenzione, controllare i dati.

Istat ha rilasciato nei giorni scorsi un’anticipazione dei dati sulla lettura di libri (esclusa sempre quella di e-book) nel 2016. Dopo la leggera crescita avuta l’anno precedente (+1,2%), nel 2016 il numero di lettori è tornato a calare, perdendo il piccolo incremento conquistato. Se nel 2015 la percentuale dei lettori copriva il 42,0% della popolazione residente in Italia con più di 6 anni di età, un anno dopo questa percentuale si attesta al 40,5%, con una perdita di 1,5 punti percentuali. In valori assoluti, 751 mila lettori in meno (-3,1%). Il calo si fa ancora più evidente confrontando i numeri attuali con quelli del 2010. Quell’anno, a leggere era il 46,8% della popolazione con più di 6 anni: tre milioni di lettori in più.

A calare, nel 2016, sono soprattutto i lettori deboli – quelli che leggono da uno a tre titoli l’anno – passando dal 45,5% dell’anno precedente all’attuale 45,1% (circa 440 mila lettori in meno, che diventano più di 1,250 milioni in meno confrontando il dato con quello del 2010). E mentre rimane praticamente identica la percentuale dei medi lettori (40,8%), cresce quella dei lettori forti (che leggono più di dodici libri l’anno), passando dal 13,7% del 2015 al 14,1% del 2016. Sebbene quella dell’accentuazione dell’abitudine della lettura in chi vi è già avvezzo sia una tendenza da osservare (e, più interessante e preoccupante ancora, è che a leggere meno sia chi già leggeva poco), i numeri non invitano a farsi illusioni. Nonostante la percentuale cresca, i lettori forti nel 2016 sono 300 mila in meno rispetto al 2015. E ben 1,224 milioni in meno rispetto al 2010.

Resta da capire, ma in questo i numeri di Istat non ci aiutano, i reali saldi negativi o positivi che otterremmo considerando anche la lettura di e-book e di altri generi e modalità di fruizione (qualcuno ricorda chi erano i «lettori morbidi» e quanto valevano?) che, introdotti dall’evoluzione del concetto stesso di lettura, non rendono facile a chi li pratica riconoscersi nelle domande poste e nelle categorie individuate da Istat.


CLICCA SUL GRAFICO PER INGRANDIRLO

L'autore: Alessandra Rotondo

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Mi sono laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, poi ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.