Il tuo browser non supporta JavaScript!
Lettura

Il profilo del lettore digitale di contenuti in castigliano

di Alessandra Rotondo notizia del 5 novembre 2019

Attenzione, controllare i dati.

Un anno fa, in occasione del sesto Congresso del libro elettronico di Barbastro, Dosdoce.com aveva realizzato, con la collaborazione delle principali piattaforme distributrici di contenuti editoriali elettronici per la penisola, il primo identikit del lettore digitale in Spagna. Dodici mesi dopo, il profilo – che nel frattempo è diventato, più ecumenicamente, quello dei lettori in castigliano – torna aggiornato, precedendo di qualche giorno la nuova edizione del Congresso (che si terrà quest’anno dal 13 al 15 novembre). Nelle infografiche di seguito, gli indicatori in rosso sono quelli che segnalano un cambiamento rispetto all’anno precedente

Sul fronte del genere, le lettrici digitali continuano a superare i lettori digitali: 55% vs 45%. Va altresì notato che la forbice tende a contrarsi, infatti nel 2018 i valori erano rispettivamente al 57% e al 43%.
Per quanto riguarda l’età del lettore digitale, notiamo, rispetto a un anno fa, un ampliamento della fascia anagrafica maggiormente interessata dal fenomeno. Se nel 2018 il grosso dei lettori digitali aveva un’età compresa tra i 25 e i 45 anni, nel 2019 il range diventa 18-50.
La distribuzione geografica della lettura, in Spagna, si concentra attorno ai centri urbani di Madrid e Barcellona (con le rispettive comunità autonome). Si posiziona bene anche l’Andalucia. Al di là dell’Atlantico, i consumatori di contenuti editoriali digitali in castigliano sono maggiormente rappresentati in Argentina, Cile, Colombia, Messico e Stati Uniti.
Si legge (o si ascolta) più che altro nei mesi estivi, da giugno ad agosto. E a dicembre, altro periodo «di vacanza» per eccellenza. Alla ricerca dei titoli ci si dedica principalmente nei fine settimana, per poi leggere dal lunedì al giovedì. Quando? Durante il percorso di andata e ritorno dal lavoro (tra le otto e le nove e tra le diciotto e le venti) e in seconda serata, dopo le ventidue. Ma tra i dati più recenti vediamo emergere anche il consumo pomeridiano, probabilmente imputabile ai contenuti audio e alle possibilità di fruizione multitasking che abilitano.
Lo smartphone rimane il supporto preferito per la lettura (e l’ascolto) digitale. Quest’anno si evidenzia anche il ruolo di tablet e portatili nella fruizione di contenuti accademico-professionali, di riviste e di periodici. Sul fronte dei formati, la novità che assume maggiore consistenza è l’audiolibro.
Come nel 2018, anche quest’anno i lettori digitali confermano il loro statuto di lettori forti: in media di 20 libri l’anno (contro gli 11 di chi preferisce la carta). Un numero significativo e per questo difficile da incrementare, considerando anche che è chiamato a confrontarsi con la sostanziale finitezza del tempo (e di quello libero in particolare). Dove peraltro il libro – che sia di carta o di bit – compete con un parterre di possibilità d’intrattenimento sempre più ricco.
All’aggiunta dei dati dei lettori provenienti dall’altro lato dell’Atlantico vediamo cambiare la classifica dei generi preferiti. Se l’anno scorso l’oro era delle narrative di genere (rosa, erotico, noir, poliziesco e thriller), quest’anno è la non fiction a collocarsi in testa (soprattutto saggi, self help, periodici e riviste), mentre il bronzo va ai titoli per i più piccoli.

L'autore: Alessandra Rotondo

Laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Da diversi anni mi occupo di contenuti, dal 2015 al Giornale della libreria. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.