Il tuo browser non supporta JavaScript!
Lettura

I Wattpadders comprano più libri del consumatore medio

di Alessandra Rotondo notizia del 21 marzo 2018

Attenzione, controllare i dati.

È da qualche anno, ormai, che siamo immersi nella cosiddetta «rivoluzione digitale». Da abbastanza per poter affermare che i libri di carta e di pixel non si cannibalizzano a vicenda. E che diete mediali e abitudini di fruizione (culturale, del tempo libero) si fanno sì più complesse e articolate, ma non escludono dal mix strumenti e supporti più «tradizionali».

Una ricerca condotta da Wattpad – sulla frequenza di acquisto librario degli utenti della piattaforma – mostra che i Wattpadders comprano in media 3 libri al mese: un valore di tre volte superiore allo standard nazionale. Il sondaggio ha coinvolto 650 membri della divisione di lingua inglese della community: il 68% di loro compra almeno un volume al mese; quasi il 50% ne acquista uno o due; il 17% tra tre e cinque e l’8% più di sei.

Sul fronte dei formati, la carta vince a mani basse: in particolar modo, il 79% si rivolge all’acquisto di libri in brossura, tascabili, mentre il 73% preferisce gli hard cover. Solo il 26% sceglie gli e-book. A motivare questi comportamenti intervengono: l’amore per il libro nella sua fisicità, il piacere di tenerlo nella propria biblioteca domestica, il desiderio di sostenere l’autore, la possibilità di godere di una bella copertina, il fatto che il libro fisico non abbia una batteria da ricaricare.

La community autoriale è nota per l’esplorazione, in particolare, di alcuni generi: il romance, la fanfiction e la teen fiction. Un ventaglio di gusti che si riflette anche sulla scelta dei libri da acquistare: a primeggiare sono (anche qui) i libri di teen fiction, scelti dal 61% degli intervistati. Subito dopo la letteratura YA (60%), il fantasy (58%), il romance (52%) e a seguire mistery, thriller, fantascienza, fanfiction e narrativa (tra il 30 e il 40%). I libri di cucina, saggistica, storia e le biografie vengono acquistati da meno del 20% del campione.

Al primo posto tra i canali d’acquisto scelti dai Wattpadders c’è la libreria di grandi dimensioni, preferita dal 69% degli utenti. Il 45% si rivolge invece alla rete, comprando i libri da rivenditori online; il 37% lo fa nei supermercati e l’11% nelle librerie indipendenti di quartiere. Interessante conoscere anche le modalità attraverso le quali i membri della community vengono a conoscenza dei libri che acquisteranno. In vetta al podio c’è il potere del passaparola: il 64% degli intervistati, infatti, sceglie cosa leggere seguendo il consiglio di un amico. Al secondo posto, tra i driver di scelta troviamo i social media, capaci d’indirizzare i comportamenti d’acquisto del 50% del campione. La comunicazione pubblicitaria della casa editrice convince il 30% degli acquirenti, mentre il 14% viene aiutato a scegliere dalle recensioni sui blog letterari.

Per interpretare al meglio questi dati – che pure riflettono i comportamenti di un segmento sensibile e senza dubbio peculiare – vale la pena capire chi sono i Wattpadders. Nel mondo, una donna su tre di età inferiore ai 24 anni ha un profilo su Wattpad: il campione di 650 utenti cui è stato sottoposto il sondaggio è composto all’80% da ragazze di età compresa tra i 13 e i 24 anni.

L'autore: Alessandra Rotondo

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Mi sono laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, poi ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.