Il tuo browser non supporta JavaScript!
Innovazione

Rotolito e il nuovo portale Vantaprint per la stampa online

di Antonio Lolli notizia del 20 May 2019

Attenzione, controllare i dati.

Più di 40 anni di storia, 7 stabilimenti, 470 dipendenti  e 160 mila tonnellate di carta stampate ogni anno. I numeri di Rotolito sono una prova evidente del grande sviluppo che ha portato l’azienda lombarda a diventare uno dei punti di riferimento per la stampa a livello europeo.  Nata nel 1976 a Cernusco sul Naviglio come una piccola realtà con otto dipendenti e un’unica rotativa, con la quale veniva realizzato il fumetto Diabolik, nel corso degli anni Rotolito è riuscita a crescere progressivamente, anche nei periodi più difficili dal punto di vista economico, grazie a investimenti mirati e acquisizioni. L’azienda oggi stampa una vasta gamma di prodotti editoriali, in particolare libri – dagli illustrati alla narrativa, dai titoli tecnico-scientifici ai testi scolastici –  ma anche riviste, periodici, album, brochure e cataloghi.  

«La produzione editoriale rappresenta una parte importante della nostra attività – racconta Gabriella Moretti, Market Business Development Manager di Rotolito –. Se consideriamo soltanto l’editoria libraria, il 55% dei libri che stampiamo è destinato al mercato italiano, mentre il restante 45% viene esportato. I nostri clienti sono per la maggior parte editori, sia italiani che stranieri (soprattutto francesi, inglesi e scandinavi)».

Uno degli aspetti che contraddistingue Rotolito è la costante spinta all’innovazione tecnologica, che l’ha portata dieci anni fa a investire nella stampa digitale e a essere la prima azienda in Europa a installare una rotativa a colori HP con un sistema di confezionamento del blocco libro in linea. Una risposta alle esigenze che gli editori oggi sentono più pressanti, legate in particolare alla velocità di produzione e alla necessità di stampa di piccole tirature. «La tendenza oggi è quella di mantenere il più possibile vivi i titoli, soprattutto dei piccoli editori, così da poterli stampare in digitale nel numero strettamente necessario di copie. Questo ci ha portato a gestire ormai la metà delle commesse  in digitale e a sviluppare Vantaprint, il nostro nuovo portale dedicato a ottimizzare e velocizzare il flusso di lavoro legato alla stampa online in digitale. Sul portale i nostri clienti trovano archiviato tutto lo storico dei prodotti che hanno stampato con noi e possono riordinare all’occorrenza, in completa autonomia. Nella prima fase sperimentale abbiamo dato la possibilità di utilizzare il portale soltanto agli existing customer, ovvero agli editori già nostri clienti che, attraverso l’area riservata, hanno potuto toccare con mano le potenzialità del servizio. Ora abbiamo deciso di estendere questa possibilità anche a nuovi clienti, che possono così accedere al portale, fare liberamente un preventivo di stampa e valutare se procedere o meno con l’avanzamento dell’ordine. Rispetto agli altri siti di web ordering, Vantaprint punta in particolare sulla possibilità di offrire ai clienti una vasta gamma di formati, carte e confezioni, così da rispondere con precisione alle specifiche esigenze degli editori. E permette anche di scegliere la qualità più adatta per ciascuna lavorazione».

Il portale Vantaprint è solo il tassello più recente di una storia che ha portato Rotolito ad ampliare la propria struttura e a diversificare l’offerta. Sono esempi di questo impegno, l’acquisto qualche anno fa di Nava Press – un’importante azienda di stampa attiva nei settori del lusso, della moda e del design – e l’apertura a marzo di quest’anno di un nuovo polo produttivo di stampa e confezione a Cernusco sul Naviglio, dedicato in modo particolare alla produzione di magazine e riviste. Ma anche l’apertura di uffici all’estero, in particolare a Parigi, New York, Shanghai e Losanna.

«La nostra strategia oggi – conclude Gabriella Moretti – è basata in particolare sull’ammodernamento delle tecnologie di stampa e dei flussi di lavoro, oltre che sull’investimento tecnologico. Basti pensare che negli ultimi due anni abbiamo investito qualcosa come 50 milioni di euro in infrastrutture e nell’ampliamento degli stabilimenti».
 

L'autore: Antonio Lolli

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Dopo la laurea in Ingegneria e l’esperienza di ricerca in ambito accademico svolta presso l’università di Bologna, seguo il mondo editoriale nelle sue diverse sfaccettature, con particolare interesse per il confronto tra le realtà dei diversi Paesi del mondo e per le ultime novità dal punto di vista produttivo e tecnologico.

Guarda tutti gli articoli scritti da Antonio Lolli

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.