Il tuo browser non supporta JavaScript!
Innovazione

Apple lancia News+, il Netflix delle riviste (ma è solo per gli Usa)

di Alessandra Rotondo notizia del 26 March 2019

Attenzione, controllare i dati.

È già da qualche anno che Apple, con convinzione sempre crescente, ha affiancato al suo impegno nella produzione dei dispositivi quello per la produzione dei contenuti, sfruttando l’integrazione fra hardware, software e servizi. I frutti di questo lavoro e di questi investimenti sono stati rivelati ieri da Tim Cook, durante la conferenza che ha condotto dallo Steve Jobs Theater di Cupertino.

Se l’annuncio più atteso ha riguardato la sezione televisiva – per esempio con il servizio Apple Tv Channels, che permetterà di pagare solo per i canali che si vogliono guardare, di scaricare i singoli contenuti offline e di guardarli su tutti i device; ma anche con la piattaforma di streaming Apple Tv+, che punta sulla creatività originale coinvolgendo grandi artisti e filmmaker – non sono mancate le novità in ambito più strettamente editoriale.

In particolare, a far notizia è stato il rinnovamento di Apple News, il sistema d’informazione attraverso il quale il team editoriale del brand seleziona quotidianamente notizie e storie da proporre agli utenti. Con i suoi 5 miliardi di articoli letti al mese, è la app di notizie più popolare del mondo. La grande novità svelata da Cook è l’introduzione dei magazine all’interno della piattaforma: riviste come Time, Vogue, New Yorker, Sports Illustrated, National Geographic, New York Magazine e molti altri entreranno a far parte del servizio Apple News+: una sorta di Netflix delle riviste che darà accesso libero – agli abbonati – a oltre 300 testate.

L’abbonamento costerà 9,99 dollari al mese e ricomprenderà marchi editorieli di grosso calibro, le cui pubblicazioni saranno ordinate all'interno di varie categorie come attualità, cultura, fotografia, geografia, intrattenimento, viaggi e segmenti d’interesse ancor più verticali. Alle riviste si affiancheranno i siti d’informazione e alcuni contenuti elaborati per essere fruibili in maniera interattiva e nativa sui dispositivi Apple; comprese le live cover (le copertine animate), per navigare fluidamente fra i contenuti di uno stesso giornale, ma anche le infografiche animate e i suggerimenti di lettura, sempre con possibilità di fruire anche di singoli articoli.

Il tutto sarà disponibile anche attraverso il Family Sharing, il servizio Apple che permette di condivide con un massimo di sei utenti gli acquisti fatti sui vari store del brand, o di spartire con loro piani e abbonamenti ai vari servizi proprietari. Per il momento Apple News+ sarà disponibile negli Stati Uniti e in Canada, entro la fine dal 2019 arriverà anche in Australia e nel Regno Unito. Come la gran parte delle novità annunciate durante la conferenza di ieri, si tratta di un prodotto (e di un’offerta) piuttosto tarata sulle esigenze e i consumi dell’utenza statunitense. D’altronde, in Italia, Apple News non è mai arrivata neppure nella sua formulazione originale.

L'autore: Alessandra Rotondo

Editor presso la redazione del Giornale della libreria. Mi sono laureata in Relazioni internazionali e specializzata in Comunicazione pubblica alla Luiss Guido Carli di Roma, poi ho conseguito il master in Editoria di Fondazione Mondadori, Unimi e Aie. Molti dei miei interessi coincidono con i miei ambiti di ricerca e di lavoro: i social media e la cultura digitale, il branded content, l'e-commerce, i libri non necessariamente di carta e l’innovazione in quasi tutti i suoi aspetti. Fuori e dentro Internet.

Guarda tutti gli articoli scritti da Alessandra Rotondo

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.